BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

SCUOLA/ Inghilterra: bambino espulso perché aveva portato una merendina da casa

Un bambino di 6 anni è stato espulso dala scuola che frequentava perché i genitori gli avrebbero dato cibi considerati non in linea con lo stato alimentare richiesto

Foto InfoPhotoFoto InfoPhoto

Prima sospeso per alcuni giorni, adesso espulso. E' il caso di un bambino inglese di 6 anni colpevole di essersi portato da casa una merendina giudicata non in linea con gli standard alimentari richiesti dalla scuola pubblica inglese. Come si sa, nei paesi angloamericani, è da tempo in atto una specie di guerra contro i cibi che rendono obesi o comunque considerati pericolosi per la salute. Nelle scuole inglesi è stata introdotta da tempo una sorta di legislazione che regola cosa mangiare o cosa no. Il bambino in questione si era portato da casa un pacchettino di Mini Cheddars, biscottini salati che rientrano nella lista nera dei cibi sconsigliati. Adesso il bambino sarebbe anche stato espulso dalla scuola. Il motivo? Il fatto che i suoi genitori si siano lamentati dell'accaduto sui media nazionali, in modo ritenuto non corretto e anche insultante verso la scuola stessa. I responsabili della scuola hanno immediatamente replicato che il bambino non è stato espulso per via della merendina portata da casa, ma perché i genitori hanno continuato in modo deliberato a ignorare i regolamenti scolastici al proposito dei cibi. In particolare al bambino in più occasioni avrebbero dato papatine, salsicce, uova e altre cose non permesse. Non solo: la scuola ha vietato al fratellino minore di frequentare  l'asilo della stessa istituzione. Ecco uno dei comunicati con cui la scuola aveva precedentemente avvertito i genitori del bimbo della loro condotta irregolare: "Cioccolato, dolci, patatine e bevande gassate non sono ammessi. Se il pranzo del vostro bambino non è sano e bilanciato verrà fornito un pranzo a scuola per il quale vi verrà addebitato il costo". I genitori avevano protestato immediatamente, sostenendo che la scuola non ha il diritto di dire loro cosa sia sano e bilanciato per il proprio figlio. Inoltre sostenendo che la dieta da loro prevista era sempre stata sana e bilanciata.

© Riproduzione Riservata.