BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

ASIA BIBI/ Sì al procedimento di revisione della condanna a morte: in carcere da 4 anni

I giudici riapriranno il caso di Asia Bibi, cristiana pachistana condannata a morte per blasfemia. Il 17 marzo riapriranno il procedimento per la revisione della condanna a morte

Foto InfoPhotoFoto InfoPhoto

In carcere da quattro anni, condannata alla pena di morte per blasfemia. E' il caso di Asia Bibi, la giovane madre di famiglia cristiana vittima della persecuzione e della famigerata legge anti blasfemia, che in Pakistan può portare in carcere chiunque senza prove concrete se accusato di aver insultato il Corano. Adesso una luce, seppur minima, di speranza: i giudici del tribunale di appello il 17 marzo riapriranno il procedimento per la revisione della condanna a morte. Come si ricorderà, Asia Bibi venne arrestata nel 2009, l'accusa era di aver insultato il profeta, e immediatamente condannata a morte. A confermare la buona notizia il Centre for legal aid, assistance and settlement che offre assistenza gratuita alle vittime di casi come questo: "Il caso ha tutto il nostro sostegno. Spero che non ci saranno pressioni degli estremisti sui giudici, che devono gestire il caso con cura, considerazione e diligenza. Se i giudici saranno lasciati liberi di prendere una decisione giusta, le accuse cadranno". Purtroppo è proprio questo il problema principale di casi come questo: i giudici vengono spesso minacciati e anche uccisi dagli estremisti islamici quando si dimostrano attenti verso le vittime di ingiustizia. Non è un caso che due importanti personalità pachistane che si mossero in sua difesa siano state tutte e due assassinate: il governatore del Punjab Salman Taseer e Shahbaz Bhatti, ministro per le Minoranze religiose. Asia Bibi si trova in isolamento ormai da quattro anni nel carcere femminile di Sheikhupura. Il caso di Asia Bibi è semplicemente incredibile nelle sue accuse: aver bevuto acqua dal pozzo di proprietà di un musulmano e quindi averne infettato l'acqua e aver discusso con alcune donne che l'hanno accusata di aver insultato Maometto.

© Riproduzione Riservata.