BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

INGHILTERRA/ Mafioso italiano: non può essere estradato perché le nostre carceri sono troppo affollate

Pubblicazione:

Foto InfoPhoto  Foto InfoPhoto

E' polemica nel Regno Unito in seguito alla decisione di un giudice. Domenico Rancadore, condannato in  Italia nel 1994 a sette anni di carcere per estorsione, racket e spaccio di droga, è stato scoperto a Londra, dove vive di nascosto da circa vent'anni. Portato davanti a un tribunale inglese, è stato rilasciato immediatamente con una sentenza definita sconcertante dalla stampa inglese: non può essere estradato in Italia perché le condizioni di affollamento delle prigioni italiane sarebbero una violazione dei suoi diritti umani. In poche parole, le carceri italiane sono così malmesse che un mafioso non merita neanche di esserci rinchiuso. La sentenza è stata motivata con quanto la Corte dei diritti umani europea aveva fatto sapere tempo fa a proposito del nostro sistema carcerario, giudicato in modo negativo per il cronico affollamento superiore alle reali possibilità. In realtà, una prima corte, quella di Westminister, aveva ordinato l'estradizione, ma un secondo tribunale dopo aver deciso che un uomo di affari somalo accusato di attività finanziaria illegale non poteva essere estradato nel nostro paese, ha applicato la stessa sentenza al Rancadore. Nel dettaglio, le prigioni italiane violano l'articolo 3 dello statuto dei diritti umani, che prevede l'uso della tortura e il trattamento disumano e degradante. Ovviamente adesso in Inghilterra si discute del fatto che una sentenza del genere incoraggerà i criminali a trasferirsi in Inghilterra dove potranno così godere di libertà. 



© Riproduzione Riservata.