BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

STATI UNITI/ La sentenza: incoraggiare una persona a suicidarsi è un diritto costituzionale

Un tribunale americano ha sentenziato che proibire di incoraggiare a suicidarsi non è contro la legge perché priverebbe le persone del diritto alla libertà di parola. Il caso

Foto InfoPhotoFoto InfoPhoto

Controversa sentenza che certamente farà discutere. Un uomo, ex infermiere, arrestato perché incoraggiava persone con problemi a suicidarsi e quindi li filmava tramite webcam, era stato condannato a poco meno di un anno di carcere, 360 giorni. L'uomo, William Melchert-Dinkel, 51 anni, contattava persone con problemi su internet su siti dove si discuteva appunto di suicidio, li incoraggiava ad uccidersi e li filmava tramite webcam mentre compivano il tragico gesto. Era stato condannato per favoreggiamento al suicidio e condannato a 360 giorni di carcere. Adesso una nuova sentenza ha stabilito che non deve essere condannato perché, si legge nelle motivazioni, se dare assistenza al suicidio è contro la legge, incoraggiare a farlo non lo è. Nel contestualizzare la sua difesa, gli avvocati difensori dell'uomo, arrestato nel Minnesota, sostengono che la legge sul suicidio assistito in quello stato sia troppo ampia: "La formulazione della legge criminalizza chiunque intenzionalmente consiglia, incoraggia, o aiuta un altro a togliere la vita, ma il signor Melchert-Dinkel sostiene che questo limita il suo diritto alla libertà di parola, come sancito negli Stati Uniti dal Primo Emendamento". La morale: secondo la corte che ha scagionato l'uomo, vietare di incoraggiare al suicidio è anti costituzionale, dunque si può fare. 

© Riproduzione Riservata.
COMMENTI
20/03/2014 - Sono gli Stati Uniti che... (Francesco Giuseppe Pianori)

Sono gli Stati Uniti che si stanno suicidando. Io l'avrei condannato per "sfruttamento del suicidio": filmare con video i suicidi è sfruttamento. Banalità per banalità... "Se non c'è Dio tutto è permesso"