BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

CARDINALE BURKE/ Obama è sempre più ostile verso la cristianità e la libertà religiosa

In una intervista rilasciata a un giornale polacco, il cardinale americano Raymond Burke lamenta di come Barack Obama stia limitando e aggredendo le libertà dei cristiani

Foto InfoPhotoFoto InfoPhoto

Dichiarazioni forti e senza filtri quelle che il cardinale americano Raymond Burke ha rilasciato in una intervista al giornale polacco "Polonia Christiana" e riprese dal sito LifeSite News. Nell'intervista il cardinale attacca quella che definisce la politica anti cristiana del presidente degli Stati Uniti Barack Obama: "E' un uomo totalmente secolarizzato che promuove in modo aggressivo una cultura contraria alla vita e alla famiglia" ha detto. Ha poi aggiunto che il suo concetto di religione è quello puramente privato: "Vuole ridurre l'esercizio della libertà di religione a libertà di fede. La sua idea di fede è che una persona può essere libera di manifestare la sua fede soltanto nei luoghi appunto di fede ma una volta usciti da quei luoghi il governo lo può costringere ad agire in modo contrario alla sua coscienza, anche nelle più importanti questioni morali". Burke fa poi riferimento alla dichiarazione di incostituzionalità del Defense of Marriage Act da parte di Obama che ha dato il via libera ai matrimoni omosessuali, sottolineando che da quando è diventato presidente nel 2009 ha fatto più di ogni altro per promuovere la contraccezione, la sterilizzazione, l'uso obbligatorio di farmaci abortivi. Il cardinale si dice preoccupato del fatto che una grande parte della popolazione americana non si renda conto di ciò che sta succedendo, il che condurrà inevitabilmente alla perdita della libertà. 

© Riproduzione Riservata.