BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL CASO/ Il "piano" dei Fratelli musulmani per prendersi la Gran Bretagna

Pubblicazione:mercoledì 26 marzo 2014

Infophoto Infophoto

Il Marocco ha emanato, grazie a Re Mohammed VI e alla spinta delle associazioni per i diritti, la Moudawana ovvero la riforma del diritto di famiglia, che cancella gran parte delle previsioni discriminatorie che ora Londra pare voler recepire, addirittura l'Egitto, dopo la breve (per fortuna) esperienza sotto l'egida dei Fratelli Musulmani, ha emanato una Costituzione in cui uomo e donna godono di uguaglianza, mettendo al bando le formazioni politiche di stampo religioso. Ma il modello europeo pare essere l'integralismo, gli occhi delle elite europee guardano al Pakistan, al Bangladesh o all'Afghanistan, dove se immagini una donna vedrai solo un mucchio di stoffa nera.

Il solo accostamento di questi principi ad un sistema che molti ammirano come quello inglese costituisce, questo sì, un precedente ma di una gravità clamorosa. Non poco incide, e questo va detto a chiare lettere senza possibilità di essere fraintesi, la grande quantità di fondi che emiri sauditi o qatarioti hanno immesso nel Regno Unito, sotto forma di depositi o di donazioni, la cui contropartita però altra faccia non può avere se non quella del cedimento sui principi e dell'infiltrazione di crepe nella solidità sociale a vantaggio dell'estremismo. Laddove domina l'odore dei soldi la carne diventa debole e il coraggio di dire no cede il passo alla mollezza e alla distruzione dell'identità.

Del resto, anche qui dove il diritto di derivazione romana ha plasmato il nostro ordinamento più di tutti, il tentativo è stato fatto più volte e ora giace latente sotto la cenere; quando alla Consulta per l'islam italiano qualcuno tentò la sortita della non uguaglianza fra uomo e donna presentandoci un documento azzurro per gli uomini e uno rosa per le donne, in pochi capirono e molti si fecero beffe dei nostri timori, ma oggi tutto attorno a noi in Europa questo tentativo è quasi realtà. Quando arriva l'uomo con la proposta a tanti zeri che tenta di chiudere "amichevolmente" la bocca di chi dissente, e io ne so qualcosa, il coraggio di alcuni intellettuali, giornalisti e politici ha ceduto. Anche sulla base di minacce pesanti che proseguono ancora oggi. Non il mio, non quello di tanti altri che pur di non soggiacere al ricatto hanno denunciato ancora, prendendosi querele e denunce, vincendo e perdendo, ma proseguendo nella battaglia.

Ma quanto ancora la scogliera eretta contro le violente mareggiate estremiste potrà ancora reggere? Quanto ancora potremo difenderci dalla pioggia di denaro grondante del sangue di donne e moderati che sta infiltrando le menti e i cuori di un'Europa senza più radici?



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.