BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SIRIA/ Padre Hamazasp (armeno): la Turchia ci attacca perché siamo cristiani

Pubblicazione:giovedì 27 marzo 2014

Infophoto Infophoto

Notizie ignorate dalla gran parte dei media occidentali: ancora una volta il popolo armeno senza alcuna giustificazione si trova a subire la violenza e le minacce da parte dei turchi, violenza e minacce scaturite improvvisamente ma secondo una logica ben precisa, come ci ha spiegato Padre Hamazasp, della chiesa di San Lazzaro degli armeni a Venezia. Il religioso vive queste ore in ansia: la sua famiglia è tra i 1500 residenti della città armena di Kessab nella Siria nord orientale, attaccata improvvisamente da milizie paramilitari turche con il sostegno dei gruppi fondamentalisti islamici che si trovano in Siria. L'intera cittadina è stata occupata, le chiese profanate e le case saccheggiate, tutto questo all'indomani dell'incidente che ha visto l'abbattimento di un aereo militare siriano da parte della contraerea turca per presunto sconfinamento. Per Padre Hamazasp è solo una scusa del presidente Erdogan, nell'occhio del ciclone per lo scandalo che lo coinvolge da mesi, per distrarre l'attenzione della società turca da lui: "Purtroppo non interessa la situazione dei cristiani del Medioriente, compreso il popolo armeno e gli armeni di Kessab che vivono quotidianamente i valori cristiani, sono attaccati alla loro cultura e all'identità cristiana armena. Senza la terra di Kessab saranno dispersi e si perderà questa ricchezza, questa tradizione. Kessab è l'unica cittadina armena del medio Oriente rimasta dal Regno Armeno di Cilicia e ha oltre 600 anni di storia".

 

Cosa sta succedendo nella sua città, Kessab? Le notizie qui in occidente sono scarse e frammentarie.

Gli armeni vivono in quelle terre da seicento anni. Purtroppo con la scusa dello sconfinamento di un aereo militare siriano gli integralisti islamici che combattono in Siria contro Assad insieme ai soldati turchi hanno cominciato a bombardare la città di Kessab. Hanno profanato le chiese e stanno saccheggiando le case, oltre 1500 persone si sono rifugiate nella vicina città di Latakia e stanno aspettando di vedere cosa farà il governo siriano.

 

Ci sono stati anche dei morti tra la popolazione?

Morti per fortuna no, perché la gente è fuggita immediatamente appena sono iniziati i bombardamenti, ma sembra che alcune persone siano state fatte prigioniere. A Kessab vive tutta la mia famiglia, i miei fratelli e i miei genitori: sono fuggiti senza neanche il tempo di preparare una valigia. Dico queste cose con un grandissimo dolore nel cuore, senza sapere se potrò mai tornare da loro. 

 

Le varie comunità armene che vivono nei paesi occidentali hanno preso qualche iniziativa?

Si è mossa la comunità armena di Los Angeles, che ha scritto al segretario dell'Onu, come quella che vive in Francia. Il patriarca armeno del Medio oriente ha protestato direttamente con Assad chiedendo un intervento. Il presidente della repubblica armena ha espresso tutta la sua preoccupazione per quello che sta succedendo. E' la terza volta in questo secolo dopo il genocidio del 1915 che gli armeni sono costretti ad abbandonare le loro case, ben dodici villaggi. 

 

Come si spiega questo improvviso attacco nei vostri confronti? 


  PAG. SUCC. >