BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SIRIA/ Il video shock: la guerra vista da un bambino

"Solo perché non accade qui, non vuol dire che non stia accadendo”. E’ questo lo slogan scelto da Save The Children per descrivere le conseguenze del conflitto siriano sui bambini.

Foto: InfoPhoto Foto: InfoPhoto

"Solo perché non accade qui, non vuol dire che non stia accadendo”. E’ questo lo slogan scelto da Save The Children per descrivere le conseguenze del conflitto siriano sui più piccoli. Il video mostra una bambina inglese che spegne le candeline e che vive la sua infanzia serena tra gli amici e i parenti. La sua felicità verrà però stravolta dai bombardamenti che le toglieranno il sorriso e la voglia di festeggiare un nuovo compleanno. “Da tre anni - si legge sul sito dell'Organizzazione non governativa - la Siria è al centro dell’attenzione internazionale a causa di una rivolta che si è trasformata in una cruenta guerra civile. All'interno della Siria quasi 9,3 milioni di persone hanno bisogno di assistenza umanitaria, con oltre 6,5 milioni di sfollati interni. Secondo gli ultimi dati delle Nazioni Unite, infatti, il 2013 ha visto un'esplosione del numero di famiglie disperate in fuga dalla Siria”. Il numero dei bambini rifugiati nei paesi vicini “ha ormai raggiunto e superato il milione, arrivando a febbraio 2014 a 1.264.842. Secondo le stime delle Nazioni Unite, più di 7.000 bambini sono stati uccisi finora nel conflitto, anche se il numero di vittime minori potrebbe essere molto più elevato visto che gran parte dei decessi in Siria vengono registrati senza informazioni relative all’età".

© Riproduzione Riservata.