BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

UCRAINA/ Ecco chi è Yulia Tymoshenko, la "regina" del gas che piace a Putin

Pubblicazione:

Yulia Tymoshenko (Infophoto)  Yulia Tymoshenko (Infophoto)

Già, con tecniche degne di passare alla storia della sociologia e della tecnica politica.

 

Cioè?

La Tymoschenko non è neanche una vera ucraina, anche se è nata in Ucraina. È figlia di un armeno e in parte ebrea. È nata con capelli scuri e occhi scuri, quindi è diventata bionda con la tipica pettinatura a treccine della tradizione ucraina, ha imparato benissimo la lingua ucraina e si è auto nominata portavoce del nazionalismo ucraino. E mentre si dava alla politica diventando primo ministro manteneva i suoi lauti guadagni di vario tipo.

 

Perché è stata condannata?

Non se lo chiede mai nessuno, ma il motivo è semplice: per aver creato un danno enorme economico al paese.

 

Ci spieghi.

La signora, dopo aver ricoperto varie cariche da ministro, è diventata primo ministro e come primo ministro è andata dal nemico Putin per negoziare il prezzo del gas. È tornata aumentandolo del 70% e poi ha creato una società di intermediazione a Vienna di cui possedeva molte quote. Poi sono saltati fuori milioni di dollari in conti in diversi paradisi fiscali. In carcere viveva in una sorta di suite a cinque stelle appositamente costruita all'interno di un ospedale dove riceveva anche politici stranieri, ad esempio dell'Unione europea. 

 

Si è sempre detto che in carcere fosse tenuta non proprio in un regime di grande comodità, si è anche ammalata.

Questo è quello che diceva lei, di trovarsi in una situazione di grave pericolo e ammalata. Una persona inferma che appena liberata è finita in piazza e adesso scorrazza tra le capitali europee. Un personaggio spregiudicato e simulatore. 

 

Adesso si candida alle elezioni, che chance ha di vincere?

Yulia Timoschenko ha una quantità di denaro enorme per sostenere una campagna elettorale importante, però viene percepita non dico dagli squadristi dell'ultima ora della rivoluzione ucraina, ma anche dalle persone in buona fede che gremivano le piazze di Kiev, come un qualcosa del passato. I giovani, soprattutto, la vedono come un personaggio del passato. Quando c'è stata la sua liberazione pochissimi erano i cartelli che inneggiavano a lei. È molto meno popolare di un tempo, l'estrema destra radicale non la sostiene, bisogna vedere un certo elettorato prevalentemente femminile e di pensionati che l'ha sempre votata se la sosterrà ancora. 

 

Qual è il suo giudizio su quanto sta facendo Putin, dall'invasione della Crimea alla minaccia di occupare altre zone dell'Ucraina a maggioranza russofona?

Intanto in Crimea non c'è stata alcuna invasione, si sono auto-invasi. C'è stato un plebiscito che ha sancito la volontà degli abitanti di ricongiungersi con la Russia perché la Crimea è sempre stata russa fino al 1954 quando Kruscev, che era ucraino, regalò quella terra all'Ucraina in occasione del 300esimo anniversario dell'unione volontaria tra Russia e Ucraina.

 

Cosa pensa delle migliaia di soldati russi ai confini con l'Ucraina?




< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >


COMMENTI
01/04/2014 - Perché? (Giuseppe Crippa)

Davvero un bel ritrattino questo della Tymoshenko! Che questa signora piaccia a Putin è probabile visti i soldi che hanno fatto insieme sulla pelle del popolo ucraino, mentre che piaccia ad Obama e più ancora alla Clinton è indiscutibile ma nessuno, neppure Toti, si esprime su questo punto. Perché?