BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

UCRAINA/ Ecco chi è Yulia Tymoshenko, la "regina" del gas che piace a Putin

Pubblicazione:

Yulia Tymoshenko (Infophoto)  Yulia Tymoshenko (Infophoto)

Ha annunciato che si candiderà alle prossime elezioni ucraine che decideranno il nuovo leader del paese. Yulia Tymoshenko lo ha fatto all'improvviso dopo che sembrava essere ormai una figura del passato. Ma chi è veramente questa donna? Simbolo della resistenza al potere russo per alcuni, pasionaria martire gettata per anni in carcere, oligarca arricchita in modo disonesto per altri. L’editore Sandro Teti, prima dell'accelerazione che ha portato alla rivoluzione ucraina, ha pubblicato un libro intitolato Yulia Tymoschenko: la conquista dell'Ucraina, che indaga la personalità di una donna dal fascino e dall’intelligenza unici, ma che ha saputo essere, al contempo, cinica e spietata. Un libro dedicato non esclusivamente a lei, ma anche alla formazione dell’oligarchia in Ucraina.Teti ha vissuto molta parte della sua vita in quella che si chiamava Unione Sovietica e ancora adesso passa molto tempo tra Bielorussia, Azerbaijan, Gerogia e anche Ucraina dove alterna l'attività di editore a quella di consulente per alcune imprese italiane. Risponde oggi alle nostre domande, proponendo anche un suo giudizio su quanto accade oggi in Russia.

 

Teti, perché ha deciso di pubblicare un libro su Yulia Tymoschenko in tempi peraltro non sospetti, prima che tornasse alla vita politica?

Yulia Tymoschenko è un personaggio veramente unico, di grande fascino, di rara intelligenza e versatilità ma anche di cinismo e spietatezza grandi. Certe vicende a lei legate sono state trattate in Italia e in Occidente in modo molto approssimativo per non dire fasullo, così con questo libro mi è venuta voglia di mettere i puntini sulle i.

 

Non ritiene però che il processo che l'ha mandata in carcere per anni fosse per così dire poco trasparente?

Assolutamente no, ma devo fare una premessa. Il mio libro non è dedicato solo a lei, ma a come si si è formata l'oligarchia ucraina. Non è infatti la sola multimiliardaria. Ci sono altri personaggi ricchissimi. Ho descritto la genesi di queste grandi ricchezze, costruite in due modi.

 

Quali?

In modo illegale o apertamente criminale. La Tymoschenko ha accumulato ricchezze fin dal periodo sovietico, quando ci fu la perestrojka che diede la possibilità di aprire cooperative di vario tipo. Lei lo fece subito, aprendo con intelligenza uno di quelli che si chiamavano in Russia i videosaloni. Dentro, con rudimentali mastodontici televisori sovietici c'erano video registratori giapponesi che tutto il giorno mostravano film e documentari pornografici, con salottini per dieci persone che pagavano per vedere, e così ha cominciato a mettere via i primi capitali.

 

Non proprio una attività esemplare...

In seguito ha conosciuto Viktor Jušcenko, un personaggio che aveva grande influenza nell'Ucraina orientale e che poi è diventato primo ministro. Insieme a lui si è aggiudicata il monopolio del gas acquistato in Russia e in parte in Turkemenistan, rivenendolo in Ucraina, a cinque volte il prezzo acquistato, alle fabbriche e alle miniere nell'area dove lei è cresciuta, la zona russofona.

 

Ha quindi cominciato la sua carriera politica.



  PAG. SUCC. >


COMMENTI
01/04/2014 - Perché? (Giuseppe Crippa)

Davvero un bel ritrattino questo della Tymoshenko! Che questa signora piaccia a Putin è probabile visti i soldi che hanno fatto insieme sulla pelle del popolo ucraino, mentre che piaccia ad Obama e più ancora alla Clinton è indiscutibile ma nessuno, neppure Toti, si esprime su questo punto. Perché?