BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

CINA/ Via le croci, i cristiani si schierano davanti alle chiese per difenderle

Le autorità cinesi chiedono che vengano tolte dagli edifici religiosi le croci, ma i cristiani si schierano a catena in difesa delle loro chiese, ecco cosa sta succedendo nel paese

Foto InfoPhotoFoto InfoPhoto

"Ci sono troppe croci, ci sono troppe chiese, bisogna eliminarne qualcuna". Così la polizia cinese ha replicato ai rappresentanti di alcune chiese della zona di Wenzhou nella Cina orientale in seguito alle proteste di molti cittadini di fede cristiana per la minaccia di abbattere alcuni edifici religiosi, ma soprattutto per la richiesta di togliere le croci dagli edifici. In migliaia sono scesi in strada e hanno formato delle catene umane intorno alle loro chiese per protestare contro la minaccia di demolizione. In realtà, come detto, le autorità cinesi hanno chiesto di rimuovere le croci dalla sommità degli edifici, e solo dopo la protesta diei fedeli hanno anche minacciato di demolire anche le chiese. In sostanza, vorrebbero che sugli edifici religiosi non fosse visibile la croce. Al momento la chiesa sotto minaccia di demolizione è quella di Sanjiang a Wenzhou. L'ordine di rimozione delle croci è venuto dal segretario provinciale del Partito comunista, colpito negativamente durante un recente viaggio nel territorio dalla vista di così tante croci, illuminate anche di notte. Via le croci sui tetti degli edifici e sì al poterle tenere dentro l'edifico, purché siano piccole, è questa l'ordinanza. Secondo ChinaAid, una associazione americana di difesa della libertà religiosa, già sei croci sarebbero state portate via da altrettanti edifici. Al momento sono ancora in corso negoziati fra le autorità e i rappresentanti religiosi, con il tentativo di risolvere tutto in modo pacifico. Secondo un censimento del 2010 in Cina ci sarebbero 23 milioni di cristiani di varie confessioni, ma si pensa che il numero complessivo sia molto più alto perché in molti per paura di persecuzioni non ammettono pubblicamente la loro fede. La Chiesa di Sanjiang appartiene alla chiesa protestante cinese, e non è legata alla Chiesa patriottica protestante, quella riconosciuta dal governo cinese, come accade anche per la Chiesa cattolica. 

© Riproduzione Riservata.