BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

SVIZZERA/ Non viene assunta perché di nazionalità russa

Una insegnante di nazionalità russa si è vista rifiutare la sua richiesta di assunzione a motivo della sua provenienza, e perché la Russia occupa illegalmente un altro paese

Foto InfoPhotoFoto InfoPhoto

Non assumiamo persone provenienti da paesi che occupano illegalmente altri paesi: è quanto avrebbe detto il direttore di un istituto scolastico di Losanna in Svizzera a una insegnante di nazionalità russa. E' un modo, ha detto ancora, di protestare contro la politica imperialista di Mosca nei confronti dell'Ucraina. Ovviamente la donna, Elena Wroblevski, ha protestato, scrivendo una lettera in cui ha raccontato il caso al quotidiano Rossiïskaïa gazzetta. Si è quindi scatenata l'usuale protesta online con la maggior parte degli utenti schierati a favore dell'insegnante e dando del fascista e del razzista al direttore. Addirittura il sito della scuola è stato oscurato da un attacco di hacker. Ed è intervenuto anche il ministero degli esteri russo che ha reso pubblica una nota: "Vorremmo sapere quanti dei 140 docenti di quella scuola sono cittadini di paesi che hanno bombardato la Jugoslavia, partecipato alla guerra in Irak e finanziato il terrorismo internazionale".

© Riproduzione Riservata.