BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

MARTIRI DEL COMUNISMO/ Anton Durcovici, vescovo romeno, sarà beatificato domani

Il vescovo rumeno Anton Durcovici verrà beatificato domani, è stato martire del comunismo, ucciso in carcere con torture e per fame. Alla cerimonia sarà presente il cardinale Amato

Anton Durcovici Anton Durcovici

Lasciato a morire di fame e di sete, mandato nudo sulla neve: Anton Durcovici, vescovo cattolico di Iasi in Romania, morì di stenti nella sua cella del carcere di Sighet il 10 dicembre 1951. Era stato arrestato nel 1949 dalla polizia segreta del nuovo regime comunista per essersi rifiutato di riconoscere la chiesa di regime e di abiurare la sua fedeltà a quella di Roma. Subì un autentico martirio, con sofferenze durissime, come quelle di essere lasciato nudo nella neve, ma soprattutto privato di cibo e di acqua fino a morire. Venne gettato in una fossa comune nel tentativo di cancellare del tutto la sua esistenza. Domani sarà beatificato nella città dove era stato vescovo alla presenza del Cardinale Angelo Amato, prefetto della Congregazione della causa dei santi. L'attuale vescovo di Iasi Petru Ghergel, lo ha ricordato come esempio per tutta la società rumena, di resistenza e affermazione della verità, della dignità e della libertà oltre che per la sua devozione alla fede cristiana. Il suo caso, ha aggiunto, servirà per fare luce sui moltissimi martiri cristiani del comunismo in Romania. Prima di morire, Durcovici riuscì a ricevere l'assoluzione attraverso la porta della sua cella da un altro sacerdote che si trovava nel carcere.

© Riproduzione Riservata.