BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARI/ India, un voto che "taglia fuori" l'Italia

Pubblicazione:

la vittoria del partito BJP (Infophoto)  la vittoria del partito BJP (Infophoto)

Invece, nel nostro disastrato Paese, chiamato Italia, abbiamo un presidente del consiglio e un ministro degli esteri molto evidentemente impreparati (e incapaci) a giocare un ruolo in quest’area del mondo. Con la Cina vedremo in giugno un viaggio di Renzi che, come ha anticipato Lao Xi su queste pagine, sarà accolto con probabile freddezza sia perché è stato rimandato da aprile, sia perché le condizioni del governo Renzi potrebbero essere meno solide di quanto sembrano oggi. Con l’India siamo impantanati ancora nell’assurda querelle del “caso marò” dopo due anni di fallimentare gestione di Staffan de Mistura che il governo Renzi, dopo essersene liberato, ha premiato nominandolo presidente dell’Istituto europeo per la pace (se voi foste indiani come reagireste?).

 

PS. Se consideriamo le scelleratezze degli illustri personaggi tanto “europeisti” che in 10 anni hanno infranto il sogno europeo sostituendolo con un’ondata di rigetto popolare dal sapore nazional-fascista, che hanno portato l’economia e le società europee allo stremo e in quasi tutti i paesi del vicinato hanno saputo portare guerre e distruzioni invece di sviluppo e pace, invece di cavalcare il malcontento o promettere impossibili cambiamenti di verso, si dovrebbero iniziare serie azioni legali di risarcimento per i danni inflitti a intere nazioni e generazioni. Invece del voto, che non avrà nessun effetto su questi magrittiani robot, si deve portarli nei loro tribunali e farli condannare. Con loro dovranno essere portati a dar conto anche i governi di centrosinistra e di centrodestra che negli ultimi 10 anni hanno permesso ai robot di funzionare in nome e per conto dei cittadini europei.

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.