BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DALLA GRECIA/ Deliolanes: dopo le europee Tsipras costringerà la Merkel a trattare

Pubblicazione:domenica 25 maggio 2014

Alexis Tsipras Alexis Tsipras

Secondo i sondaggi il partito euroscettico greco Alba Dorata dovrebbe ottenere tra il 7,5% e l’8,5% dei voti alle prossime elezioni europee. Mentre Syriza di Tsipras, il partito di sinistra che pur in modo più sfumato critica l’austerity imposta dall’Ue, è dato in testa nei sondaggi ad Atene e nell’Attica, la regione della capitale. Dopo il piano di salvataggio lacrime e sangue che la Grecia ha subito per essere stata di fatto commissariata dalla Trojka, le elezioni europee potrebbero essere il momento in cui si sfogano i malumori con un voto marcatamente di protesta. Anche se, come spiega il giornalista greco Dimitri Deliolanes, il malcontento è tutto indirizzato contro l’austerity voluta dalla Merkel mentre nove greci su dieci vogliono rimanere nell’Eurozona.

 

Quanto è forte l’euroscetticismo in Grecia alla vigilia delle elezioni europee?

Dovendo giudicare e includere nella categoria dell’euroscetticismo le forze politiche che chiedo un’uscita della Grecia dall’Eurozona, siamo nell’ambito del 10%. In Grecia non c’è uno spirito anti-europeo, quanto piuttosto una contestazione durissima delle decisioni della Trojka e della Commissione Ue, o nel peggiore dei casi uno spirito anti-tedesco. Rispetto al periodo precedente la crisi, l’euroscetticismo non è aumentato.

 

Quindi l’austerity europea non avrà conseguenze al momento del voto?

Certamente avrà delle conseguenze. In Grecia le forze tradizionali e soprattutto i conservatori hanno dovuto accettare le imposizioni della Trojka, e la conseguenza probabilmente sarà che lunedì mattina il Pasok (Partito socialista greco) non esisterà più.

 

Qual è la differenza di fondo tra Pasok e Tsipras?

C’è una differenza enorme, in quanto il Pasok ha accettato passivamente le imposizioni della Trojka senza aprire bocca, e anche Nea Dimokratia non ha fatto molto meglio. Né Papandreu né Papademos né Samaras hanno mai osato negoziare qualcosa con la Trojka. Hanno accettato quanto gli è stato imposto e hanno chinato la testa fin dall’inizio. Ora stanno pagando le conseguenze politiche di questa scelta.

 

Da che cosa è stata originata questa scelta?


  PAG. SUCC. >