BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

COMA/ Aveva rifiutato di farsi operare per non danneggiare il feto, si risveglia dopo il parto

Il caso di una donna americana che aveva rfiutato di farsi operare al cervello per non mettere a rischio il feto. Caduta in coma, si risveglia dopo il parto

Foto InfoPhoto Foto InfoPhoto

Aveva rifiutato di sottoporsi a un intervento chirurgico al cervello per paura di mettere a rischio la vita del figlio che portava in grembo. La donna, Melissa Carleton, una californiana, è poi caduta in coma ma lo scorso 22 maggio ha dato ugualmente alla luce la figlia con un parto cesareo. Le condizioni della neonata sono ottime, ma la cosa sorprendente è che una volta partorito, la stessa Melissa ha cominciato a recuperare le sue condizioni fisiche, mostrando segnali di risveglio dal coma. Alla donna era stato diagnosticato un tumore benigno al cervello all'inizio della gravidanza. I medici volevano operarla per rimuovere la massa tumorale ma lei ha rifiutato, per paura di cosa sarebbe potuto succedere alla figlia. Poi le sue condizioni sono peggiorate ed è caduta in coma, anche se i medici sono riusciti a rimuovere il tumore dopo un intervento di urgenza. Per due mesi la donna è stata in totale stato di incoscienza fino a pochi giorni prima del parto quando ha dato qualche piccolo segnale di ripresa, ma dopo il cesareo ha riaperto gli occhi, ha riconosciuto il marito e lo ha addirittura abbracciato. Le sue condizioni continuano a migliorare tanto che adesso può anche allattare la figlia seppure con assistenza. Il suo completo recupero però sarà ancora molto lungo, dicono i medici, e non è detto che torni del tutto come era prima di cadere in coma.

© Riproduzione Riservata.