BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARI/ Così l'Ue può evitare "l'estinzione"

Pubblicazione:venerdì 30 maggio 2014

Infophoto Infophoto

Così l’Europa resta sola a dover gestire la sua crisi e l’irrisolto “problema tedesco” (la terza volta in 100 anni), mentre gli Usa dovranno decidere se e come diventare un Paese “normale” nel mondo del XXI secolo. Un’impresa non facile dato che, come ha scritto con malinconico realismo il neocon Robert Kagan, l’America è sempre più autoreferenziale. Il confronto ideale negli Usa c’è e ha radici storiche profonde: realismo o idealismo? Mentre si sta disfacendo l’ordine mondiale costruito dagli Usa nel corso del ‘900 con guerre fredde e calde, si dovranno aspettare le elezioni di midterm del novembre 2014 e quelle presidenziali del 2016 per capire dove andrà l’America.

Intanto, come per gli Usa anche per l’Europa vale che sarà la “forza intelligente” a decidere sul nostro destino, creando un nuovo equilibrio tra libertà e benessere. Se l’Unione europea e i suoi stati nazionali non coglieranno questa sfida neppure questa volta, l’irrilevanza definitiva sarà il nostro paradigma nei prossimi decenni.

Ma in Italia viviamo sulla luna, con un Renzi convinto che farà cambiare verso all’Ue (ci crede solo lui), una Mogherini che decide con il presidente Napolitano delle nomine nel suo ministero degli Esteri, e con una ministra Boschi che si erge a liberatrice/accompagnatrice di bambini congolesi. Tutto molto bello per far illudere ancora gli italiani. Ma quando verrà un po’ di sostanza e di pensiero politico e strategico? Dai, fateci vedere qualcosa di vero adesso!



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.