BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

UCRAINA/ Jean: Ue, Stati Uniti e Russia, arriva il "modello Bulgaria"

Sebbene a parole Mosca continui a minacciare l'intervento militare in Ucraina, secondo CARLO JEAN la situazione reale è ben diversa: Putin avrebbe deciso di non intervenire

Barack Obama (S) e Vladimir Putin (Infophoto) Barack Obama (S) e Vladimir Putin (Infophoto)

L'offensiva contro i ribelli continuerà fino alla completa vittoria. Nonostante i tanti morti, centinaia, negli scontri degli ultimi giorni, le parole del ministro della Difesa ad interim di Kiev non lasciano dubbi su quanto succederà nel prossimo futuro. Questo nonostante l'elezione di un nuovo presidente ucraino. Un'offensiva, quella ucraina, che sembrava dovesse suscitare la reazione di Mosca, che più volte aveva minacciato l'intervento militare in caso di guerra civile. Invece le truppe russe, come confermato anche dal segretario di Stato americano Kerry, si sono allontanate per la gran parte dai confini. Che succede in Ucraina? Ilsussidiario.net lo ha chiesto al generale Carlo Jean, esperto di questioni strategiche: "Putin ha tradito i filorussi, che pensavano di poter contare sul suo aiuto militare. Non è stato così e non sarà così". Il perché ce lo spiega in questa intervista.

 

Nonostante l'elezione di Porošenko, l'Ucraina è più decisa che mai a continuare la sua offensiva. Secondo lei è una scelta sensata? Che idea si è fatto di come gli ucraini stanno conducendo le operazioni militari? 

Le operazioni continueranno sicuramente. anche se da un punto di vista strettamente militare, l'esercito ucraino è un esercito in pessime condizioni.

 

In che senso?

E' un esercito in pezzi, a parte quelle forze esigue che in passato hanno partecipato a operazioni Nato e che sono molto preparate. Il resto dell'esercito di Kiev è un esercito allo sbando che va totalmente riformato e rifondato. Non è in condizioni di schiacciare la rivolta, anche perché si parla di conquistare delle città dove si trovano i ribelli, non possono certo bombardare indiscriminatamente o andare casa per casa a cercarli. Ricordiamoci che una città come Donetsk supera il milione di abitanti.

 

Invece la resistenza dei filorussi dal punto di vista militare che impressione le fa?

Sono fortemente motivati, sono imbevuti della propaganda fatta da Mosca che ha definito le forze di Kiev fasciste, ma è la stessa propaganda fa anche l'Ucraina, definendo queste persone dei terroristi. Si battono e si batteranno anche se sono stati traditi da Putin.  

 

Traditi da Putin? Cosa intende? Mosca continua a minacciare di intervenire se non si fermano le operazioni di Kiev.

I russi lo dicono a parole. Se lo facesse diventerebbe una guerra civile totale, per la Russia non è immaginabile e neppure le conviene. Entrare in Ucraina significherebbe perdite umane ed economiche enormi. Inoltre la Germania è fortemente legata a Kiev, soprattutto all'ex pugile Vitali Klitschko che è appena stato eletto sindaco di Kiev. I russi non possono andare in Ucraina perché rischiano di andare contro la Germania. In caso di guerra Mosca si troverebbe contro i tedeschi e questo Putin non lo vuole. 

 

Secondo la Bbc però negli scontri dei giorni scorsi a Donetsk tra i ribelli uccisi sono stati trovati 33 cittadini russi. Chi sono? Agenti di Mosca? Invasati che sono andati a combattere appositamente?