BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

COREA DEL NORD/ I piani della Cina: il regime di Kim Jong-un a rischio crollo

Piani segreti cinesi sono finiti in mano a media giapponesi: in essi si trovano speciali misure di sicurezza in caso il regime della Corea del nord dovesse implodere e crollare

Foto InfoPhoto Foto InfoPhoto

Il regime del dittatore nord coreano Kim Jong-un avrebbe i giorni contati. Lo rivelerebbero dei piani segreti cinesi in caso di crollo del regime recentemente trafugati e arrivati ai media giapponesi. Piani del genere da parte di nazioni confinanti con regimi totalitari non sono una novità, ma, osservano gli analisti, colpisce che Pechino li abbia preparati solo in questi ultimi tempi. Significherebbe, dicono gli analisti, che si teme che il regime di Kim Jong-un abbia ancora poco futuro davanti a sé. Più un regime è totalitario, e quello nordcoreano è attualmente il peggiore del mondo in questo senso, e più crolla facilmente e velocemente, dicono gli esperti. I cinesi hanno dunque previsto che in caso di crollo del regime, tutti i leader attuali verranno messi in salvo in territorio cinese in speciali campi riservati loro e sarebbe vietata loro qualunque mossa di tipo bellico per riconquistare il potere, cosa che metterebbe a rischio la Cina stessa. Si prevede anche che milioni di cittadini potrebbero cercare di abbandonare il paese per via degli scontri che si accenderebbero, e il governo cinese ha già allertato i confini con speciali misure di sicurezza per accogliere solo le persone considerate meno pericolose. Il governo cinese ha poi in questi giorni inviato un avvertimento ufficiale alla Corea del nord in vista di un nuovo test nucleare, avvertendo che la Cina "non tollererà alcuna guerra o situazione di caos ai propri confini": una vera e propria presa di distanza dalla folle politica nordcoreana come mai in precedenza. La Cina infine per la prima volta ha rifiutato di esportare petrolio in Corea del Nord nei primi tre mesi dell'anno. 

© Riproduzione Riservata.