BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IRAQ/ Il nuovo Medio oriente ci farà rimpiangere Gheddafi e Saddam

Pubblicazione:giovedì 12 giugno 2014 - Ultimo aggiornamento:giovedì 12 giugno 2014, 8.42

Infophoto Infophoto

Sfido chiunque stia leggendo queste righe a dirmi, negli ultimi tre anni, quante volte ha sentito parlare di Iraq. Scomparso dalle cronache, totalmente ignorato da tutti i media internazionali. Volutamente tralasciato, dico io, perché faceva comodo che su Baghdad non si addensassero sguardi indiscreti, perché l'idea era mantenere lo status quo fino alla caduta della Siria, che poi non è avvenuta. Uno Stato totalmente slegato da ogni controllo internazionale e volontariamente sguarnito a livello militare, con un governo traballante e incerto; un territorio che potesse fare da testa di ponte per un'alleanza jihadista e terrorista "di quadrante", utile ad uno sbarco in massa verso il Caucaso e poi la Russia. 

Certo Putin questo lo aveva intuito da tempo ed è per questo che ha detto sempre no all'intervento in Siria, assieme all'Iran e alla Cina, consci che lo stravolgimento di determinati equilibri sarebbe costato il disastro geopolitico non solo all'Est ma anche in Europa. L'avanzata militare e incontrastata dei miliziani qaedisti in Iraq, che prendono il controllo di una provincia ogni giorno, non deve dunque stupire vista la totale assenza da parte della comunità internazionale in questi anni; si profila, e con ogni probabilità si verificherà presto, la presenza del primo Stato a guida ufficialmente terrorista e qaedista, con il potere nelle mani dei miliziani che fanno capo al gruppo dello Stato islamico dell'Iraq e del Levante (Isis). 

Quello che fino a poco tempo fa sarebbe stato definito uno "Stato canaglia", a cui si sarebbe guardato con le armi in pugno, oggi potrebbe divenire realtà istituzionalizzata. Nel silenzio vergognoso dell'intera comunità internazionale e dei media, che fino a ieri parlavano di libertà ceduta per avere sicurezza, non portando poi ai popoli, come qualcuno amava dire, nessuna delle due. Ma perché oggi lo scoppio della violenza in Iraq e il tentativo di prendersi una nazione intera da parte dell'estremismo di matrice islamica? Invito i lettori a dare un rapido sguardo alla cartina geografica, e ai rapporti di forza nel quadrante. L'Iraq ha intorno a sé Arabia Saudita, Giordania, Turchia, Iran e soprattutto Siria. 

Le elezioni a Damasco, con l'esito favorevole ad Assad, hanno profondamente accelerato ogni piano di conquista dell'enclave irachena da parte di Al Qaeda e rallentato la formazione del nuovo governo di Al Maliki, con il risultato che oggi abbiamo sotto gli occhi. Bombe, attentati, massacri, avanzate militari qaediste e soprattutto l'esodo biblico di sciiti, cristiani e moderati. I terroristi, dopo la sconfitta in Siria, hanno rotto preventivamente l'accerchiamento in cui avevano capito di essere finiti a pochi giorni dalla vittoria di Assad e dunque sono passati all'azione in maniera repentina.


  PAG. SUCC. >

COMMENTI
12/06/2014 - Quando qualcuno dirà.... (Rodolfo Spezia)

Sto aspettando,ormai da troppo tempo,che qualcuno che conta dica agli USA che sono totalmente incapaci di una strategia di lungo termine. Hanno fatto solo disastri,hanno massacrato e permesso altri massacri. Dopo il 1945 hanno perso o lasciato in stand-by tutte le guerre in cui si sono impegolati. E non cessano di creare le premesse per nuove guerre,senza chiedersi a chi gioveranno gli odi che fomentano. E nessuno ha mai organizzato un Tribunale per giudicare i loro orrendi crimini. Quanti esseri umani hanno fatto morire,sul campo o in seguito alle malattie che i loro armamentari hanno prodotto(penso alle vittime anche italiane dell'uranio impoverito). Per non parlare di Hiroshima ecc.