BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CHIESE ABBATTUTE/ Cervellera: la Cina perseguita i cristiani perché ha paura della fede

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Il motivo io credo è dovuto al fatto che il partito vede sempre più rivolte in giro per la Cina, pensiamo ad esempio ai separatisti islamici. Quindi ha tremendamente paura che anche la religione diventi un canale che in qualche modo prenda dentro tutta questa rivolta e metta una sfiducia nel popolo nei confronti del partito.

 

Si dice che il partito comunista sovvenzioni e sostenga i buddisti per creare una conflittualità tra le varie religioni.

Non credo, le religioni in Cina sono abbastanza tranquille. Credo che il partito sostenga il buddismo di stato e il confucianesimo un po' per motivi nazionalisti, perché ormai in Cina il partito non crea più alcun interesse e attrazione nella popolazione e quindi un po' di nazionalismo va sempre bene.

 

In che senso?

Va detto che queste religioni orientali come il buddismo e il confucianesimo hanno come loro principio un rispetto enorme per l'autorità anche politica e il distacco dalle problematiche sociali verso un nirvana dell'animo con la meditazione. Quindi sono religioni che mentre soddisfano in qualche modo lo slancio verso l'assoluto mantengono intatta la struttura politica.

 

Il cristianesimo invece rimane problematico.

Queste religioni per il partito comunista sono molto meglio, mentre il cristianesimo è tutto diverso. Da una parte non idolatra l'autorità politica ma anche la critica, e poi la critica perché il cristianesimo sollecita la libertà della persona. Questo il motivo per cui i cristiani sono potenziali rivoluzionari mentre i buddisti no.  Attenzione: il buddismo tibetano non è certo approvato come sappiamo.

 

Cosa dobbiamo aspettarci adesso nel prossimo futuro? Continuerà la persecuzione? I cristiani come reagiranno?

Dobbiamo  aspettarci quello che un pastore protestante ha detto ai suoi fedeli: loro distruggono la chiesa come edificio ma non possono distruggere la chiesa come comunità. Quindi noi non avendo più l'edificio costruiamo ancora le nostre comunità. In sostanza va detto che il partito comunista non impara dai suoi errori, da quasi 70 anni ha promesso di distruggere le religioni e invece oggi la Cina è uno dei paesi più religiosi del mondo. Già nel 2003 e 2004 ci fu una campagna analoga per distruggere gli edifici religiosi, vennero distrutti centinaia di chiese delle comunità sotterranee e invece il cristianesimo è cresciuto ancora.

 

Come potrebbe cambiare la situazione?

Cambierebbe se capissero che dovrebbero avere i cristiani non come nemici ma come alleati per la riforma della società. Ma questo non lo riescono a capire.



(Paolo Vites) 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.