BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

SCENARI/ Furio Colombo: Hillary Clinton vuole la Casa Bianca, lo "sponsor" è Putin…

Hillary Clinton (Infophoto)Hillary Clinton (Infophoto)

Obama è deciso a essere il primo presidente degli Stati Uniti che non fa la guerra durante il suo mandato. Non è quindi debole e indeciso, è decisissimo e sta mantenendo una posizione che richiede una grande forza. La prima iniziativa di una persona debole è fare la guerra, infatti George W. Bush, il più debole tra i presidenti Usa, è stato il più convinto assertore della guerra in Iraq che ha danneggiato tantissimo l’intera area. Obama è l’opposto del suo predecessore: freddo, deciso, preciso, ha scelto di non sacrificare una sola vita umana in un teatro di guerra per nessuna ragione.

 

Che cosa ne pensa dell’incontro informale tra Obama e Putin a margine delle celebrazioni del D-Day?

Il mio giudizio è molto positivo, e vedo in questo incontro una conferma di quanto dicevo poco fa. Obama si incontra con Putin senza fare l’altezzoso, senza mostrare che la situazione è troppo grave e che la Russia va punita. Il presidente Usa sa benissimo che non ci sono soluzioni armate, anche simboliche, che possano dare una lezione ai russi. La cosa migliore è sedersi e parlare, e Obama ha fatto esattamente quello che molti osservatori escludevano, in quanto ritenevano che non fosse possibile un incontro personale con Putin. Ciò conferma la natura di presidente deciso a qualunque azione che diminuisca i pericoli di guerra, e a non mettere a rischio una sola vita americana su un fronte di guerra.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
08/06/2014 - La cosa migliore (Vittorio Cionini)

Se la cosa migliore fosse quella di "sedersi e parlare" la storia dell'umanità sarebbe del tutto diversa da come si è svolta. Nessuno avrebbe inventato spade, archi, frecce e tantomeno bombe atomiche. Tutti i Cesari e i Napoleoni si sarebbero seduti a parlare con gli avversari (pardon amici) per trovare soluzioni accettabili da parte di tutti. Temo che il coraggio di Obama di non voler affrontare guerre serva solo a lasciare ad altri la "patata bollente". Purtroppo la patata c'è, si chiama debito, e scotta ogni giorno di più. Vittorio