BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

AMINA SBOUI/ Aggressione a Parigi, l'attivista Femen fermata per falsa denuncia

Pubblicazione:mercoledì 16 luglio 2014

L'immagine postata su Facebook da Amina L'immagine postata su Facebook da Amina

Amina Sboui, ex attivista del movimento femminista Femen, si sarebbe inventa l’aggressione subita il 7 luglio scorso nella metropolitana di Parigi. Qualche giorno fa la tunisina aveva sporto denuncia per essere stata percossa da cinque salafiti in una stazione del metrò: ora è in stato di fermo con l’accusa di procurato allarme. Le forze dell’ordine della capitale francese non credono al racconto della ragazza, che non trova riscontro nei filmati di sorveglianza della metropolitana di Place de Clichy poco lontano dal quartiere di Pigalle. Amina, simbolo della protesta laica contro l'integralismo islamico, aveva raccontato sul suo profilo Facebook di essere stata trascinata con la forza fuori dalla stazione subendo la rasatura delle sopracciglia e di una ciocca di capelli e rischiando di essere violentata. 



© Riproduzione Riservata.