BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

RICHARD DAWKINS/ Bambini down, le repliche ai commenti del filosofo ateo

Per il filosofo ateo Richard Dawkins fare nascere un bambino down è immorale, meglio abortirli. Scoppia la polemica su twitter dopo i suoi commenti

Foto InfoPhoto Foto InfoPhoto

RICHARD DAWKINS CHIEDE DI ABORTIRE I BAMBINI DOWN - E' arrivato il commento di Lila Rose, presidente di Live Action, associazione americana pro life, ai deliranti commenti del filosofo Richard Dawkins. Rose, oltre a sottolineare le inesattezze scientifiche del filosofo, spiegando ad esempio che i bambini non ancora nati avvertono sia il dolore che le emozioni, ha definito "malato e contorto chiunque chieda di uccidere bambini disabili". Per Rose, i commenti ignoranti di Dawkins servono soltanto a stigmatizzare ulteriormente le persone colpite dalla sindrome di Down, che già soffrono discriminazioni su base giornaliera. E' intervenuta anche Carol Boys, responsabile di Down's Syndrome Association, dicendo che contrariamente a quanto detto da Dawkins, le persone colpite dalla sindrome vivono una vita piena e contribuiscono in modo evidente alla società intera. 

RICHARD DAWKINS CHIEDE DI ABORTIRE I BAMBINI DOWN - Il noto filosofo campione dell'ateismo questa volta sta suscitando polemiche anche tra coloro che lo hanno sempre supportato. Dawkins infatti è noto per rilasciare commenti e pareri senza, per così dire, peli sulla lingua nelle conferenze, nei libri ma ultimamente soprattutto su twitter. L'ultima sua sparata ha fatto chiedere a qualcuno se non sia meglio che la smetta di postare sui social network almeno per un po'. Si tratta del suo consiglio alle madri che scoprano di avere in grembo un figlio con la sindrome di down. In realtà il suo post originale, sebbene non certamente leggero nel modo di esprimersi, riguardava le polemiche irlandesi sull'aborto, da sempre molto forti in quel paese. Poi discutendo con i suoi follower, rispondendo a un utente che gli chiedeva se fosse civile uccidere prima della nascita i bambini con la sindrome di down, ha risposto: sì è una cosa assai civile. Si tratta di feti, sottoposti a diagnosi prima di avere dei sentimenti umani. Poi, a un altro utente che si domandava cosa farebbe se scoprisse di avere un figlio down, ha risposto: abortiscilo e fallo ancora. Sarebbe immorale farli nascere se hai la possibilità di non farlo. 

© Riproduzione Riservata.