BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

James Foley/ Il fratello Michael: si è sicuramente offerto volontario ai carnefici (oggi 22 agosto 2014)

Vuole essere la prima donna a tagliare la testa di un inglese o di un americano. Lo ha annunciato lei su twitter, è una ragazza inglese fuggita in Siria due anni fa

Foto InfoPhotoFoto InfoPhoto

Si è sicuramente offerto volontario per essere il primo a venir ucciso. Michael Foley, fratello del giornalista americano ucciso da Isis, non ha dubbi: il fratello si è sacrificato per gli altri ostaggi. Michael ha anche citato quanto raccontato da alcuni ostaggi poi liberati che avevano passato del tempo con il fratello James: era il leader tra i prigionieri, offrendosi sempre come volontario o in loro soccorso, cercando di tenerli occupati insegnando spagnolo o facendo con loro dei giochi. E' sempre stato così, ha detto Michael, teneva gli altri più a cuore di quanto tenesse se stesso, era il più forte e il più preparato, lo si vede anche dai video che mandava che non aveva paura di nulla.

Ho subito ogni genere di insulti: si lamenta il deputato grillino Alessandro Di Battista, dell'accoglienza che ha avuto il suo articolo in cui parlava dei terroristi dell'Isis e della necessità di dialogare con loro. Di Battista poi dice anche che parte della colpa dell'uccisione del giornalista americano James Foley è degli Stati Uniti, per il modo con cui hanno trattato i prigionieri islamici: "La violenza indecente, barbara, inaccettabile subita" da James Foley è "in parte, figlia della violenza indecente, barbara, inaccettabile subita dai detenuti nel carcere di Abu Ghraib" ha detto.

Papa Francesco ha incontrato oggi il cardinale Ferdinando Filoni da lui inviato nei giorni scorsi nelle zone dell'Iraq dove situavano i profughi cacciati dai miliziani dell'Isis. Il cardinale come si vede da questo video è evidentemente commosso nel raccontare le immani sofferenze di tante persone chiedendo che la Chiesa alzi con forza la voce contro le persecuzioni in atto.

Francesco ha telefonato ai genitori di James Folley. Lo ha fatto sapere parlando con l'agenzia Zenit il portavoce stampa del Vaticano. padre Federico Lombardi. Il Papa ha parlato sia con John, il padre, che con Diane, la madre. I due sono profondamente cattolici, come anche il figlio aveva testimoniato in una lettera scritta per la sua università. Padre Lombardi ha voluto solo dire che il Papa ha assicurato la sua preghiera e vicinanza, non è poi entrato nei dettagli. 

Vuole diventare la prima donna a tagliare la testa di un ostaggio. E' Khadijah Dare, una giovane donna inglese madre di due figli fuggita in Siria nel 2012 ed evidentemente appartenente ai gruppi jihadisti che operano in Siria. All'indomani dell'uccisione di James Foley infatti, la ragazza ha scritto su twitter: voglio essere la prima donna a uccidere un terrorista inglese o americano. In passato la donna si era già fatta notare postando sempre su twitter la foto di suo figlio di pochi anni con in mano un mitragliatore A47. In Siria Dare ha sposato uno svedese musulmano recatosi anche lui nel paese mediorientale per combattere, postandone la foto insieme, lei ovviamente completamente coperta dal burka. A Londra la donna frequentava, dicono gli inquirenti, il centro islamico di Lewishan, lo stesso che frequentavano i due islamici che uccisero il soldato inglese Lee Rigby.

© Riproduzione Riservata.