BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

VIRUS EBOLA/ Morto medico liberiano curato con il siero sperimentale ZMapp

Pubblicazione:lunedì 25 agosto 2014 - Ultimo aggiornamento:lunedì 25 agosto 2014, 18.24

Foto: InfoPhoto Foto: InfoPhoto

VIRUS EBOLA, L'EPIDEMIA ARRIVA IN CONGO - Un medico liberiano che aveva contratto il virus dell'ebola è morto la scorsa notte. La cosa che suscita maggiormente scalpore è che il medico, il dottor Abraham Borbor, veniva curato con il medesimo siero sperimentale che ha guarito il dottore americano anche lui malato di ebola, lo ZMapp. Nonostante alcuni segnali di miglioramento invece Borbor è deceduto. Altre due dosi del virus sono state somministrate a un medico ugandese e a uno nigeriano rimasti colpiti anche loro dal virus. Al momento mostrano segni di miglioramenti.

VIRUS EBOLA, L'EPIDEMIA ARRIVA IN CONGO - Il virus Ebola è arrivato nella Repubblica Democratica del Congo. Lo ha fatto sapere il ministro della Salute congolese Félix Kabange Numbi, confermando dunque che l’epidemia sta attualmente coinvolgendo il quarto Paese africano dopo Sierra Leone, Liberia e Guinea. In Congo, le autorità hanno comunicato che le vittime accertate della febbre emorragica sono almeno tredici, tra cui cinque operatori sanitari. In Sierra Leone si sono invece verificati due nuovi casi di Ebola, un cittadino britannico e un senegalese. Intanto il Giappone si è detto pronto a fornire il prima possibile un trattamento sperimentale messo a punto da una azienda farmaceutica nipponica: "Il nostro Paese è disposto a concedere il farmaco, in cooperazione con l'azienda, se l'Organizzazione mondiale della sanità lo richiederà", ha detto il segretario generale del Governo, Yoshihide Suga. "Nel frattempo che l'Oms prende una decisione - ha invece spiegato l'azienda produttrice - noi siamo disposti a rispondere alle richieste individuali di operatori sanitari, a condizione che si tratti di casi di emergenza. Abbiamo riserve sufficienti per oltre 20mila persone".



© Riproduzione Riservata.