BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SIRIA/ Il reporter siriano: ecco tutte le bufale dell'Onu che fanno solo il gioco dell'Isis

L'autoproclamatosi califfo Abu Bakr al Baghdadi (Infophoto) L'autoproclamatosi califfo Abu Bakr al Baghdadi (Infophoto)

E' sconcertante che dopo quattro anni di distruzione e smantellamento di uno stato indipendente cioè la Siria si faccia una indagine per dire quello che tutto il mondo è riuscito a vedere senza di loro, e cioè crocifissioni, crimini, decapitazioni, civili e soldati siriani massacrati. E' incredibile mettere sullo stesso piano la vittima e il carnefice, un criminale è un criminale sempre. L'ONU ha perso di credibilità, è una istituzione incapace di risolvere i problemi senza riuscire a intervenire seriamente.

 

Chi dovrebbe fermare e come questi terroristi? 

Uno stato indipendente come la Siria ha tutto il diritto di difendersi contro una aggressione. Se l'ONU li ha dichiarati gruppi terroristici e poi accusa l'esercito di colpirli allora con la stessa logica dobbiamo condannare anche l'intervento occidentale in Iraq e in Afghanistan.

 

In che senso l'ONU non prende posizione?

Il rapporto dell'ONU condanna il sostegno e il finanziamento dell'Isis ma anche dell'altro gruppo ribelle anti Assad, definito di terrorismo moderato. Non ci dicono però cosa fanno e chi li finanzia, bisogna che l'ONU ci dica da dove arrivano questi gruppi, ci dice invece cose e immagini che qualsiasi giornalista ci ha già fatto vedere compresi gli stessi terroristi che son ben fieri di mostrare i loro crimini.  Ma chi li addestra e chi facilita il loro ingesso in Siria? Qua bisogna fermare un terrorismo che sta minacciando anche l'Europa, siamo sotto minaccia, abbiamo un paese completamente devastato e abbandonato che è la porta dell'Europa, cioè la Siria.

 

Nel rapporto ONU si parla di nuovo di uso di armi chimiche da parte dell'esercito siriano.

Ma l'ONU non offre alcuna prova, quali sono le prove dell'uso di armi chimiche, dell'uso del cloro? Se ci sono prove perché non lo dimostrano? Nel rapporto si legge "pare che", ma questo è linguaggio da bar, non da organismo mondiale.  Non dimentichiamo Colin Powell che mostrava al mondo la prova di armi di distruzioni di massa per giustificare la guerra in Iraq, prove risultate completamente false. Alla bufala degli attacchi chimici non ci crede, un esercito regolare ha tutti i mezzi per affrontare un pericolo perché deve usare una cosa così banale come il cloro? L'Onu non sa dirlo.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
30/08/2014 - Siria (delfini paolo)

Sono convinto che dovremo affrontare il terrorismo sunnita senza l'aiuto dei governi americani e nordeuropei,abbastanza indifferenti nel caso,purtroppo.

 
28/08/2014 - Cloro e Assad (Ma BA)

A parte il tono veramente approssimativo, "esistono motivi ragionevoli", "probabilmente", "testimoni" non specificati, del rapporto ONU la cosa assurda è che il governo siriano avrebbe sganciato sulla popolazione roba che aveva un "odore simile a quello del cloro per usi domestici". Cioè Assad avrebbe sganciato varichina come arma chimica!. Difficile non dare ragione alla versione del giornalista siriano Naman Tarcha.