BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

TESTIMONI DI GEOVA/ Bambino malato di tumore, i genitori lo rapiscono dall'ospedale

Un bambino di 5 anni malato di tumore al cervello è stato portato via dai genitori, che si professano testimoni di Geova. Dall'Inghilterra la famiglia sarebbe fuggita in Francia

Foto InfoPhoto Foto InfoPhoto

Si sta cercando disperatamente di trovare Ashya, un bambino di 5 anni malato di tumore al cervello che ieri i suoi genitori hanno portato via dall'ospedale inglese in cui era ricoverato. Le autorità sostengono infatti che se il bambino non viene rimesso immediatamente in cura potrebbe essere in pericolo di vita. Da quel che si sa i genitori con il bambino malato e gli altri sei figli hanno lasciato l'Inghilterra con un traghetto che li ha portati in Francia. Le autorità di polizia inglesi giudicano irrilevanti le ipotesi di quacuno che dietro al rampimento ci sia l'appartenenza religiosa della famiglia: quello che importa, dicono, è che si possa riportare il bimbo alle cure immediate. Il bambino aveva subito una operazione chirurgica una settimana fa, è su una sedia a rotelle e incapace di parlare e può nutrirsi solo con una apposita flebo a batteria la cui ricarica potrebbe finire in poche ore. 

© Riproduzione Riservata.
COMMENTI
04/09/2014 - ringraziamenti (Bruno Bargiacchi)

Prendo atto di questo aggiornamento al precedente articolo del 29 agosto e ve ne sono grato. Bruno Bargiacchi

 
03/09/2014 - commento articolo (Bruno Bargiacchi)

Scrivo solo adesso perché come speravo si è fatta chiarezza sull’intera vicenda. I giornali di tutto il mondo e ai vari tg che fanno giustizia sulla vicenda scagionando completamente i genitori sostenuti addirittura da primo Ministro e dal Governo inglese i quali al contrario da quanto voi scritto non volevano altro che LE MIGLIORI CURE per il loro figlio, disposti ad affrontare enormi sacrifici per questo. Non aggiungo nulla perché voglio sperare che siate a conoscenza anche voi di questi aggiornamenti. In particolare una frase che è allucinante per la sua assoluta falsità. Verso la fine scrivete: “…I Testimoni di Geova che come si sa rifiutano le cure ospedaliere perché, in caso di malattia anche mortale, la loro religione sostiene che la malattia faccia il suo corso senza intervenire”. Per vostra informazione accludo un link http://www.jw.org/it/testimoni-di-geova/domande-frequenti/testimoni-di-geova-cure-mediche/ . Vi ringrazio per l’attenzione e mi scuso se posso essere apparso troppo polemico. BRUNO BARGIACCHI

 
02/09/2014 - Cure mediche e Testimoni di Geova (alessio danielis)

Anche io sono testimone di Geova e anche io tengo a sottolineare che l'articolo è fuorviante se non rientra legalmente addirittura nel ramo della calunnia. Invito pertanto a verificare ogni affermazione dall'unica fonte ufficiale, il sito jw.org. E ricordo a ogni lettore che non occorre essere testimoni di Geova per desiderare e pretendere le cure migliori per i propri cari.

 
30/08/2014 - cure mediche e Testimoni di Geova (SERGIO ORSINI)

Gentili Signori, scrivo per indicarvi il grosso errore contenuto nel Vs articolo secondo cui noi Testimoni rifiutiamo le cure mediche lasciando che la malattia faccia il suo corso. E' vero invece l'esatto contrario. Io sono Testimone da 40 anni; sono stato operato 3 volte (una d'urgenza massima); curo le mie (purtroppo) diverse patologie collaborando al meglio con i medici. Fra i Testimoni vi sono chirurghi, infermieri, paramedici e via dicendo. Vi prego di correggere dunque quella che nel Vs articolo potrebbe essere intesa come una vera e propria diffamazione. Se volete ulteriori informazioni in merito potete collegarvi al ns. sito internet: www.jw.org (tradotto in 500 lingue e con materiale informativo in quasi 700 idiomi); è tutto gratuito, senza pubblicità e senza obbligo di registrazione. Se siete giornalisti seri, come penso, queste mie osservazioni non dovrebbero che farvi piacere onde rendere ai Vs lettori il miglior servizio possibile. A presto!