BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

APPELLO A OBAMA/ Video: "libera nostro padre, è in carcere perché crede in Gesù"

Il pastore americano Saeed Abedini è in carcere in Iran per il suo credo. Le autorità iraniane lo hanno condannato a 8 anni di carcere. I suoi figli hanno inviato un video a Obama.

Immagine d'archivioImmagine d'archivio

Il pastore americano Saeed Abedini è in carcere in Iran per il suo credo. Le autorità iraniane lo hanno condannato a otto anni di reclusione. Adesso i suoi due figli hanno inviato un video al presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, affinché intervenga per farlo liberare. Rebekka, 7 anni, e Giacobbe, 6 anni, pregano il numero uno della Casa Bianca affinché possa far tornare il papà a casa in Idaho. Jacob racconta davanti alla telecamera, che il suo “cuore piange”. Rebekka dice che non vuole perdere un altro compleanno senza il papà e che le manca tanto, poi guardando la telecamera, afferma: “Perché il nostro papà deve stare in prigione perché ama Gesù?” Intanto Naghmeh Abedini, la moglie del pastore, in passato ha criticato Obama per non aver fatto abbastanza per il marito. “Recentemente ho sentito fare grandi discorsi su Nelson Mandela e le persone che sono finite in carcere per ciò in cui credono e hanno portato il cambiamento in questo mondo”, così ha dichiarato a “The Blaze” lo scorso dicembre. “Ed ecco un cittadino americano a marcire in carcere per la sua fede. Eppure c’è silenzio. E il silenzio per me la dice lunga”, ha aggiunto. Obama, durante un discorso pronunciato a febbraio ha detto che avrebbe fatto il possibile per riuscire ad ottenere il rilascio dell’uomo. Lo stesso è avvenuto quando il segretario di Stato John Kerry ha presentato il rapporto “International Religious Freedom” del Dipartimento di Stato 2013, parlando appunto del rilascio di Abedini.

(Serena Marotta)

© Riproduzione Riservata.