BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

INDIPENDENZA SCOZIA/ Il discorso di Cameron: il primo ministro in lacrime

Il primo ministro inglese David Cameron si è recato oggi in Scozia per un discorso a proposito dell'ormai prossimo referendum sull'indipendenza, ecco che cosa ha detto

Foto InfoPhoto Foto InfoPhoto

Non distruggete la nostra famiglia, non votate sì all'indipendenza solo per dare un calcio al partito conservatore. Un discorso giudicato dai toni commoventi quello che il primo ministro inglese David Cameron ha tenuto oggi in vista del referendum del prossimo 18 settembre che potrebbe sancire l'indipendenza della Scozia dal Regno Unito. Come si sa negli ultimi giorni i sondaggi hanno dato a sorpresa una maggioranza di voti a favore del sì, creando scompiglio a Londra dove non ci si aspettava questa situazione. Il Partito conservatore di cui Cameron è leader è estremamente impopolare in Scozia, ma Cameron ha sottolineato come a lui stia più a cuore il bene del Regno Unito che le sorti del suo partito. Durante il suo intervento oggi a Edimburgo, il primo ministro è sembrato più volte vicino alle lacrime, gli occhi arrossati, ricordando il cammino fatto insieme dalle nazioni che costituiscono il Regno Unito, una famiglia che non deve essere divisa, ha detto. Ha poi aggiunto che questo voto non è per decidere se la Scozia sia una nazione o no: la Scozia è già una nazione, ha detto, una nazione forte, orgogliosa, con una storia straordinaria e un popolo incredibilmente di talento. Ma è una nazione, ha spiegato, che da più di trecento anni ha deciso di far parte di una famiglia di nazioni, una famiglia che ha permesso a questo grande paese di spostare pesi immensi. Non è una decisione per qualcosa di cinque anni di durata come una elezione politica, ha concluso: è una decisione per i prossimi cento anni. Gli economisti intanto avvertono che la secessione della Scozia potrebbe portare danni gravissimi alla sua realtà economica.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
10/09/2014 - commento (francesco taddei)

la scozia non ha scelto di stare sotto la corona. fucili e cannoni hanno scelto per lei....." e sempre allegri bisogna stare, che il nostro piangere fa male al re..." povero cameron e povera regina. ricordo che lei ha pianto parecchio quando le hanno venduto il britannia per pagare le tasse.

 
10/09/2014 - Forza Scozia! (Giuseppe Crippa)

Scozzesi, non lasciatevi convincere da una lacrimuccia.