BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DIARIO USA/ Obama e l'Isis, le bombe non "rispondono" alle nostre domande

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

La Cnn – sempre speciale – ha "monitorato" le reazioni delle gente man mano che il presidente ci parlava di queste cose. Una specie di "polygraph", la "macchina della verità". Con le elezioni di midterm dietro l'angolo e la maggioranza del Congresso in palio, la rilevazione è avvenuta per categorie politiche: democratici, repubblicani, indipendenti. Ebbene le tre linee si son mosse in parallelo per tutti e quindici i minuti. Picchi di "gradimento" sull'orgoglio nazionale, sulla condanna delle atrocità, "serio disagio" sull'invio di consiglieri militari e su esito e tempi delle operazioni, "insofferenza" per l'occhiello finale con cui il presidente ha tentato di dar lustro al suo mandato enfatizzando ripresa economica ed occupazionale. Non c'entrava niente e gliel'hanno fatto capire.

I capelli ormai bianchi di Obama ci dicono a chiare lettere che guidare questo paese non è uno scherzo, la storia ci dice che dal '45 le guerre non si vincono più, e le analisi della Cnn ci dicono che la gente è smarrita.

"God bless America", ha concluso Obama, come sempre si fa qua. E se partissimo dal fondo e provassimo a chiederci davvero perché lo diciamo?

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.