BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

REFERENDUM SCOZIA/ Sapelli: una vittoria di Pirro per l'Europa

Pubblicazione:sabato 20 settembre 2014

Infophoto Infophoto

Sicuramente in Catalogna vincerà la secessione. In Spagna ci sono una monarchia inesistente, un primo ministro, Rajoy, che offende i catalani affermando che non sono intelligenti come gli scozzesi, un Partito Popolare Spagnolo che non ha nessuna leadership e credibilità. Non c’è dubbio quindi sul fatto che in Catalogna vinceranno i sì. Il problema non è l’Europa bensì la Spagna, uno Stato composto da più nazioni dove negli ultimi anni il gruppo dirigente, compresa la monarchia, non è stata all’altezza. Mentre chi guida il Regno Unito, nonostante le divisioni, ha dimostrato di essere in grado di affrontare le sfide.

 

Quali sarebbero le conseguenze per l’Europa nel caso di una secessione della Catalogna?

La situazione che si creerebbe sarebbe molto complicata, perché si aprirebbero dei vuoti istituzionali e delle reazioni a catena. Non credo che anche l’Italia sarebbe coinvolta da un processo di questo tipo, e del resto non riesco a prendere sul serio le affermazioni di Salvini, anche perché nel nostro passato non c’è nulla di paragonabile alla storia scozzese. Le conseguenze più immediate riguarderebbero piuttosto baschi e galiziani in Spagna, fiamminghi e valloni in Belgio. Le conseguenze sono dunque ancora imprevedibili, ma potrebbero essere devastanti.

 

Chi ha votato no in Scozia è stato influenzato anche dalla paura di una possibile divisione?

Sì, ma non solo. Se la Scozia è rimasta unita a Londra, è anche grazie al fatto che è un caposaldo laburista. A differenza che in Italia, nel Regno Unito i partiti sono ancora l’essenza del processo democratico, e la vittoria dei no è conseguenza anche di questo fatto.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
20/09/2014 - Ue vuol dire danno? (Carlo Cerofolini)

Premesso che per Margaret Thatcher l’Ue era l’espresso di Babele, il fatto che varie Nazioni appartenenti all’Ue siano in procinto di implodere non è che in buona parte sia dovuto – soprattutto nell’Europa continentale – al fatto che quest’Ue a trazione tedesca, tutto rigore, senz’anima e prospettiva, stia trascinando quasi tutti i componenti del “club” alla rovina economica e sociale?

 
20/09/2014 - dedicato a chi ha più di 50 anni (Claudio Baleani)

"Cornovaglia libera" "Libera Cornovaglia". Chi ha più di 50 anni si ricorda lo sceneggiato per ragazzi con Johnny Dorelli dove c'erano dei cospiratori che volevano ottenere l'indipendenza della Cornovaglia, un posto dove ci stanno le eriche e le pecore. Così negli anni '60 ci permettevamo di ridicolizzare le spinte indipendentiste. Ogni volta che sentivo "Libera Cornovaglia" mi facevo un sacco di risate. Chi se lo immaginava che sarebbe venuto il momento di sentire queste cose alle 8 e non alle 5 durante la TV dei ragazzi? In Scozia c'è quasi la metà della popolazione che vuole l'indipendenza dall'Inghilterra nonostante che gli scozzesi originari alla Braveheart sono estinti per miseria e per guerre e nonostante che i parlamentari scozzesi possono mettere bocca nella sanità inglese, ma gli inglesi non posso fare il reciproco. Una follia. Una follia il nazionalismo che ha assoggettato la Scozia e una follia il nazionalismo che la vuole indipendente. E allora perché non l'indipendenza di Durham? E' stato il centro nevralgico della colonizzazione del Regno. Eppoi mi sono sempre chiesto: ma io che ho in comune con uno di Ancona? E uno di Camerino come può mettersi ad un tavolo con uno di Muccia? Dopotutto sono quasi 10 chilometri.