BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

CHIESA D'INGHILTERRA/ Via il segreto della confessione in caso di abusi sessuali

Al prossimo sinodo nel mese di novembre, la Chiesa anglicana inglese discuterà della proposta di togliere il segreto confessionale in caso di abusi sessuali, ecco di cosa si tratta

Foto InfoPhotoFoto InfoPhoto

La Chiesa anglicana potrebbe adottare presto un nuovo clamoroso cambiamento, abolire cioè il segreto confessionale anche se solo in caso di crimini di carattere sessuale. Come la Chiesa cattolica, anche la Chiesa di Inghilterra ha mantenuto da sempre, da quando è nata, il segreto delle confessioni, cioè non rivelare quanto detto dal pentito in confessione neanche alle autorità di polizia in caso di sospetti o indagini di varia natura. Al segreto confessionale può infatti appellarsi un sacerdote per rifiutarsi di fornire qualunque genere di informazione. Adesso l'ex vescovo di Chelmsford, John Gladwin, chiede che questa tradizione venga interrotta. Già in Australia la Chiesa anglicana ha fatto questo passo, permettendo ai propri sacerdoti di informare le autorità in caso in confessione vengano a sapere di crimini compiuti dalla persona che si è confessata da loro. John Gladwin, che lo scorso anno ha condotto una indagine all'interno della Chiesa riguardo gli abusi sessuali da parte di sacerdoti, chiede che il segreto della confessione possa essere tolto solo per quanto riguarda appunto i casi di abusi sessuali. La proposta, che verrà discussa a novembre nel prossimo sinodo della Chiesa anglicana, è destinata ancora una volta a dividere la stessa Chiesa. Qualche esponente ha già detto che se si toglierà il segreto della confessione, si distruggerà il concetto stesso di sacerdozio. La gente deve sentirsi libera di andare da un sacerdote e dirgli ogni cosa, è la tradizione Romana cattolica e noi l'abbiamo sempre seguita, ha detto un esponente della Chiesa inglese. E' intervenuto sul caso anche il vescovo cattolico Kieran Conry dicendo che se la Chiesa anglicana adotterà questa misura, essa produrrà pressioni perché si faccia la stessa cosa anche nella Chiesa cattolica che, ha detto, non toglierà mai questa regola dal proprio ordinamento.

© Riproduzione Riservata.