BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IRAQ/ Micalessin: vi spiego come si può sconfiggere il terrore dell'Isis

Pubblicazione:domenica 21 settembre 2014

Abu Bakr al Baghdadi, capo dell'Isis (Immagine d'archivio) Abu Bakr al Baghdadi, capo dell'Isis (Immagine d'archivio)

“Da gennaio in Iraq sono stati colpiti 25mila civili, di cui almeno 8.500 sono morti”. A rivelarlo è Nikolay Mladenov, rappresentante speciale dell’Onu in Iraq, durante la riunione del Consiglio di Sicurezza dell’Iraq. Una cifra che documenta la ferocia dell’Isis, come pure il fatto che negli ultimi tre anni la Turchia ha accolto 847mila rifugiati da Iraq e Siria. Soltanto nelle ultime 24 ore 45mila curdi siriani hanno attraversato il confine con la Turchia, mentre i miliziani dello Stato Islamico avanzano nella Siria Settentrionale. Ne abbiamo parlato con Gian Micalessin, inviato de Il Giornale e uno degli ideatori de Gli Occhi della Guerra, la piattaforma di crowdfunding, o finanziamento collettivo, attraverso cui è possibile sostenere i reportage nelle zone di guerra.

 

Micalessin, partiamo dal dato sulle vittime civili in Iraq. Lo ritiene attendibile?

Quello in corso in Iraq è uno scontro effettivamente cruento, basti ricordare che l’Iraq ha perso sette divisioni. Mancano all’appello 12mila soldati irakeni da quando è iniziato il conflitto, quindi 8.500 vittime civili è una cifra assolutamente reale.

 

Lei che cosa ne pensa del modo in cui l’Occidente sta cercando di contrastare l’Isis?

Manca un comando comune per coordinare le operazioni e una strategia per contrastare l’Isis, e queste carenze prefigurano un caos simile a quello libico.

 

Che strategia sarebbe possibile in Iraq e come andrebbe perseguita?

Andrebbe perseguita la strategia già attuata in Iraq dal generale Petraeus nel 2007. Il comandante americano all’epoca è stato in grado di ribaltare le sorti della guerra che sembrava già allora perduta contro Al Qaeda Iraq, che altro non era se non il predecessore di Isis.

 

In che cosa consisteva la politica perseguita da Petraeus?

E’ stata una politica di integrazione della società civile e delle tribù sunnite, che erano state emarginate dopo la caduta di Saddam Hussein, e per questo erano andate ad alimentare le fila di Al Qaeda Iraq. Dopo il ritiro Usa dall’Iraq, la mancanza di qualsiasi pressione sul governo dello sciita Nuri Al-Maliki ha fatto sì che quest’ultimo emarginasse nuovamente i sunniti, che sono tornati in forza ad alimentare le fila di Isis.

 

Quali sono le principali potenze regionali responsabili di quanto sta avvenendo in Iraq?


  PAG. SUCC. >