BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

VERTICE NATO/ Dall'Ucraina all'Iraq, la crisi (economica) può portare a una guerra totale

Pubblicazione:venerdì 5 settembre 2014

Infophoto Infophoto

L'uso della forza è ammissibile solo se è consentito dall'Onu. In una zona dove ci sono interessi degli Stati del Consiglio di sicurezza ciò è molto più difficile, ma in Iraq la situazione potrebbe giustificare un intervento. Non mi riferisco a un intervento della Nato in quanto tale, ma al fatto che l'Onu dà l'autorizzazione all'uso della forza che è poi canalizzato sotto l'egida della Nato o di una coalizione. Nel primo caso anche l'Italia dovrà fornire il suo contributo, nel secondo potrà graduare la sua partecipazione, ma sempre a condizione che ci sia un'autorizzazione da parte del Consiglio di sicurezza. Dobbiamo evitare di ripetere gli errori commessi nell'ex Jugoslavia nel 1999, quando si mosse la Nato senza il beneplacito dell'Onu.

 

Rasmussen ha affermato che se l'Iraq chiedesse aiuto la Nato sarebbe pronta a intervenire. Lei che cosa ne pensa?

Perché ciò avvenga è necessario che la Nato sia titolata a farlo dal punto di vista giuridico. La Nato ha cambiato pelle, non è più l'alleanza difensiva concepita originariamente, ma non ha il titolo per intervenire come "gendarme".

 

Dal'Ucraina al Medio Oriente, il mondo è in fiamme. Rischiamo una guerra mondiale?

Se guardiamo il mappamondo, la situazione è incandescente e una scintilla potrebbe fare scoppiare tutto. In fondo la seconda guerra mondiale è cominciata nel 1939, esattamente dieci anni dopo la crisi economica del 1929. Mi auguro che si tratti di pure coincidenze, ma dopo la crisi del 2008 i conflitti in tutto il mondo stanno aumentando pericolosamente. Quando a causa di una crisi economica si verifica un impoverimento delle popolazioni, poi le situazioni di tensione si acuiscono.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
05/09/2014 - vertice nato (delfini paolo)

La Nato soffia su un conflitto che essa stessa con l'Ue ha provocato. Dice di "stare dalla parte dell'Ucraina", parte già dal presupposto che deve essere uno scontro. Per quanto riguarda il Medio Oriente invece non ha il coraggio di dire apertamente con chi sta… non vado oltre… La nato e la ue sono attualmente un tragico problema per i Popoli Europei, meglio sganciarsi.

 
05/09/2014 - Ecco l'incapacità di USA e UE smascherata (Rodolfo Spezia)

Obama è un fallimento Come e peggio di Bush. E quei nani che guidano la UE riescono solo a peggiorare le cose. Se si pensa che la UE doveva servire a evitare il rischio di guerra in Europa, e a costituire un grosso attore sulla scena internazionale si vede come l'UE abbia tradito la sua ragion d'essere. E non parliamo del disastro UE in campo economico.Tutto per favorire i poteri finanziari. E nessuno che si converta, anzi.