BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARI/ Fertilio: Putin e l'islam, i due "regali" di Obama all'Europa

Pubblicazione:lunedì 8 settembre 2014

Vladimir Putin (Infophoto) Vladimir Putin (Infophoto)

L’Occidente si deve rendere conto che in questa fase storica è alle prese con due totalitarismi, quello “nazicomunista” di Putin e quello islamista radicale. Il fallimento della politica estera di Obama consiste nel fatto di non avere compreso la vera natura del potere totalitario russo. L’attuale situazione è una conseguenza dell’illusione della Casa Bianca che bastasse avere buoni rapporti politici, diplomatici e commerciali con la Russia per evitare qualsiasi conflitto. Obama si è trovato così di fronte a un duplice fallimento e alla necessità tardiva di porvi fronte. Dall’altra parte abbiamo un’Ue debole, divisa, incerta e attraversata da aperte simpatie per Putin, esplicitate tra l’altro da Silvio Berlusconi.

 

Come valuta i risultati del vertice Nato?

Il risultato della conferenza Nato mi sembra comunque complessivamente incoraggiante, perché le misure sono state decise, e finalmente l’Alleanza Atlantica si è resa conto di avere di fronte non uno, ma due nemici, entrambi pericolosi. Ciò che non ha ancora chiaro l’Occidente è che si tratta di due totalitarismi con i quali non è possibile pensare a una pace duratura. Bisogna entrare nella logica di un conflitto di lunga durata, senza illudersi di potersi alleare con uno dei due nemici per sconfiggere l’altro.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
08/09/2014 - Putin e l'islam (delfini paolo)

Putin avrà tutti i difetti e colpe di questo mondo,ma non è un "nazicomunista". La Russia di Putin è l'unico Stato europeo che combatte davvero il fondamentalismo sunnita, ad esempio, contrariamente a Ue e Usa che invece…. sorvoliamo. Anche al suo interno l'attuale vertice Russo cerca di difendere la Tradizione Cristiana ed Europea, l'opposto di quello che fanno invece quasi tutti gli altri Stati nel nostro Continente, nordeuropei in primis.