BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DIARIO ARGENTINA/ La verità che ancora manca sulla tragedia dell'Once

Pubblicazione:

L'incidente alla stazione Once  L'incidente alla stazione Once

La metodologia di registrazione del movimento del treno attraverso il GPS presenta sempre delle falle che solo attraverso l'applicazione del polinomio di Lagrange a livello matematico possono rivelare dei dati inconfutabili, che hanno determinato, in questo caso, il mancato funzionamento del sistema frenante, il tentativo estremo effettuato dal macchinista solo poco prima dell'impatto e la pessima situazione del sistema di paracolpi a fine binario che, combinata alla perdita di una lamiera della carrozzeria anteriore del treno (segno indiscutibile di frenata), ha provocato il suo innalzamento, la conseguente entrata di più di metà del secondo vagone nel primo e l'ammontonamento degli altri, fatto che ha moltiplicato le vittime.

 

Il treno in che stato si trovava?

I vagoni erano i giapponesi Toshiba e furono comprati nel 1965. Il Giappone disponeva già di un'avanguardia tecnologica che l'ha portato a dotare i suoi treni di un impianto frenante praticamente indistruttibile perché misto dinamico ed elettrico unito a compressori. Dopo l'incidente si è incontrata una modifica effettuata da diversi anni, mai approvata dall'organo competente per la sicurezza argentino, il Cnrt, che aveva di fatto eliminato sia il sistema elettrico e dinamico che parte dei compressori, riducendoli da 8 a 6 per convoglio. Altra cosa importante e unica nel suo genere è che a causa della mancanza di revisioni, nei vagoni si era accumulato tanto ossido da provocare una spessa nube al momento dell'impatto.

 

In definitiva quali sono le responsabilità del macchinista, visto che rischia una condanna pesantissima?

Cosa vuole che le dica? Lavorava da solo un anno e non aveva avuto alcun addestramento specifico all'emergenza. Al giorno d'oggi esistono poi dei sistemi che controllano l'operato del macchinista e permettono correggerne gli errori, ma ovviamente in Argentina non sono presenti.

 

(Arturo Illia)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.