BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ELEZIONI SVIZZERA/ I migranti la "mandano" a destra (con buona pace dell'Ue)

Pubblicazione:martedì 20 ottobre 2015

Infophoto Infophoto

Pensiamo al grande cantiere della riforma pensionistica; pensiamo alle questioni fiscali (difesa del segreto bancario per i clienti residenti in Svizzera, ad esempio; con i clienti di altri Stati è ormai un... ricordo); pensiamo soprattutto alla «svolta energetica» e all'uscita dal nucleare: oltre alla crescita del centrodestra, il concomitante tracollo dei partiti ambientalisti contribuirà certamente a riportare questo dossier al centro della politica federale, secondo parametri più realistici rispetto a quelli del progetto «energia 2050», che prevede la rapida chiusura delle centrali atomiche svizzere per favorire e sussidiare lo sviluppo delle energie alternative. Se dunque gli svizzeri hanno votato «di pancia», un po' ossessionati delle «invasioni barbariche», le conseguenze, non necessariamente negative, si faranno ora sentire, soprattutto, su temi di altra natura.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
20/10/2015 - le invasioni barbariche (antonio petrina)

Mentre nel cantone di Guglielmo Tell si va di pancia con le invasioni barbariche, in Italia si chiede la clausola degli immigrati per continuare a far debito per la loro assistenza. La politica sull'immigrazione comunque è nelle agende dei governi UE e non.