BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DIARIO BELGIO/ L'imprevisto che fa dimenticare la paura

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

In questi giorni c'è stata un'attesa e qualcosa è accaduto. Magari non è il qualcosa che mi aspettavo in risposta alla minaccia terroristica, ma non posso negare che qualcosa di altrettanto concreto sia accaduto. C'è ancora un po' di paura ma è forte la certezza che qualcosa è accaduto. Parto per Milano con l'aspettativa di vivere la Colletta Alimentare sabato. Parto con l'attesa di tornare e riprendere la vita in questa città, una città forse ricca di contraddizioni e punti irrisolti ma dove allo stesso tempo tutti possiamo sentirci a casa.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
26/11/2015 - Finalmente! (Luigi PATRINI)

E' bello sentirselo ricordare quel concetto di Péguy: vale anche per noi cristiani, anche nella sua versione ...complementare: "Non amano nessuno e credono di amare Dio!", ma anche "Dicono di amare tutti, così credono di amare Dio!". E Chi è il mio prossimo? E' Dio che si presenta con l'aspetto di chi mi è attaccato, al mio fianco, davanti a me. ...il problema non è amare "tutti", ma tutti quelli che incontri prima di tutti quelli che non conosci e non sai neppure che esistono. Anche Charlie Brawn diceva: "amo tutta l'umanità, quelle che non sopporto sono le singole persone!" Buon Natale