BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ARABIA SAUDITA/ Adultera condannata alla lapidazione, il suo amante a cento frustate

Pubblicazione:sabato 28 novembre 2015

Immagine di archivio Immagine di archivio

Mentre l'Arabia Saudita, secondo quanto comunicano alcuni media, avrebbe programmato l'esecuzione in un solo giorno di 55 persone accusate di terrorismo, una nuova sentenza si aggiunge all'elenco di condanne a morte del paese culla dell'Islam. Una donna di 45 anni originaria dello Sri Lanka che lavorava come cameriera ed è sposata, è stata condannata a morte mediante la lapidazione, mentre l'uomo con cui avrebbe avuto la relazione è stato condannato soltanto a cento frustate. Ennesimo esempio di razzismo contro le donne del paese islamico e dell'uso della pena di morte per di più con metodi barbari, gli stessi usati nello stato islamico dell'Isis. L'uomo è scampato alla pena di morte perché al momento della relazione adultera single mentre la donna sposata. Anche lui è originario dello Sri Lanka. Rappresentati del governo dell'isola sono intervenuti per chiedere clemenza, ricorrendo in appello. L'Arabia Saudita, visitata di recente dal nostro premier Renzi e uno dei maggiori partner economici e politici dell'occidente, pratica in pieno la legge della shaaria. 



© Riproduzione Riservata.