BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

TURCHIA vs RUSSIA/ Foa: ora Erdogan deve scegliere tra Nato e jihad

Pubblicazione:sabato 28 novembre 2015

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan (Infophoto) Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan (Infophoto)

La Turchia è un alleato molto importante per la Nato, si trova in una posizione strategica e ci sono accordi militari ed economici. Washington non può rompere con Ankara da un giorno all’altro, ma c’è un problema di fondo che presto lo stesso Obama dovrà risolvere. O si riesce a fare rientrare la Turchia nell’alveo degli interessi occidentali, oppure di qui a qualche mese si porrà un serio problema di convivenza e di convenienza reciproca a restare alleati.

 

La Turchia potrebbe essere esclusa dalla Nato?

Probabilmente questo è un tema che non sarà affrontato da Obama bensì dal suo successore. Queste svolte strategiche, a meno di gravi imprevisti, richiedono tempi di gestazione molto lunghi. Siamo comunque a una svolta delicatissima nei rapporti tra Turchia da un lato e occidente e Stati Uniti dall’altra, benché tutti abbiano interesse a non evidenziarlo.

 

Nel frattempo Putin e Hollande hanno deciso di unire le forze contro l’Isis. Con quali effetti?

Gli effetti sono molto importanti, perché fino a ieri la Russia operava da sola mentre da oggi agisce in coordinamento con la Francia. E’ paradossale che Parigi collabori più strettamente con Mosca che con Washington. La volontà americana di annientare l’Isis del resto finora è stata abbastanza tiepida. Mentre dopo gli attentati del 13 novembre, Hollande vuole veramente regolare i conti con l’Isis proprio come Putin. Si tratta quindi di un’alleanza inedita e molto interessante. La Turchia teme più di ogni altra cosa che questa cordata a due finisca per coinvolgere tutti i Paesi occidentali.

 

Fino a che punto Putin e Hollande condividono la stessa strategia?

Per ora è solo un’alleanza contingente. A seconda di quel che accadrà nel prossimo futuro sia nella lotta all’Isis in Siria e Iraq sia nel contrasto al terrorismo, questa alleanza potrà rafforzarsi oppure affievolirsi.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
28/11/2015 - Situazione imbarazzante (orazio adolfo bacci)

Erdogan non deve fare troppo il duro con Putin, il quale e troppo forte per lui. E' in una situazione critica, si trova fra l'incudine e il martello, deve essere accorto.

 
28/11/2015 - Fuori la Turchia dalla NATO! (Giuseppe Crippa)

Sono lieto di leggere qualcuno che si pone il problema di sollecitare l’uscita della Turchia dalla NATO: questa Turchia non è la stessa che entrò nel patto nel 1952, e neppure la Russia è la stessa di quei tempi. In ogni caso il problema non è nuovo: basti leggere per esempio questo articolo di Arabpress di un anno fa: http://arabpress.eu/lespulsione-turchia-dalla-nato-teoria/50987/ o intervistare Lucio Caracciolo, la cui rivista di geopolitica, Limes, ne parlava già nel 2010. A mio avviso ora la misura è colma…