BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

AEREO PRECIPITATO/ Micalessin: ipotesi kamikaze dietro il falso "incidente"

InfophotoInfophoto

Questo non lo sappiamo. L’analisi delle scatole nere sarà l’unico modo per arrivare più vicini alla verità, per il momento siamo nel campo delle ipotesi.

 

I jihadisti del Sinai hanno rivendicato l’attentato. Sono credibili?

Ansar Bait al-Maqdis è una formazione presente già da tre anni nel Sinai. L’anno scorso ha dichiarato la sua adesione all’Isis. Il 26 gennaio 2014 aveva messo a segno un attentato con un missile Strela-2 contro un elicottero egiziano, abbattendolo. In questo caso però va escluso.

 

Per quali motivi?

Un missile Strela colpisce solo fino a 4mila metri di gittata: in questo caso i terroristi avrebbero dovuto avvicinarsi ad almeno un chilometro dall’aeroporto per colpire l’aereo in fase di decollo. Dal momento che l’aereo è precipitato 23 minuti dopo il decollo, è un’ipotesi che va esclusa. Non va però dimenticata la presenza seria e importante di questi terroristi, che nel Sinai sono molto numerosi, e che potrebbero avere studiato un’operazione come l’inserimento di un kamikaze a bordo.

 

E’ possibile che l’aereo russo sia stato colpito come vendetta per l’intervento di Putin in Siria?

I gruppi jihadisti del Caucaso avevano annunciato che avrebbero fatto colare il sangue russo per vendicare i loro compagni che operano in Siria. Rientrerebbe quindi pienamente nella logica di una rappresaglia nei confronti della Russia, già considerata un nemico acerrimo da parte dei gruppi jihadisti.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.