BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

ISIS/ Siria, la milizia di donne cristiane che combatte lo stato islamico

In Siria opera una milizia di donne cristiane che combattono contro l'Isis, come fanno già molte donne curde. Hanno cooperato alla liberazione di una importante città

Miliziana cristiana sirianaMiliziana cristiana siriana

Si sapeva che le donne curde partecipano da tempo in prima linea nella guerra contro lo stato islamico. Sembra che i miliziani islamici siano particolarmente terrorizzati dal venire uccisi da una donna: secondo il Corano infatti chi muore per mano di una donna non ha diritto ai premi dell'al di là promessi invece a martiri, kamikaze e guerrieri uccisi da altri uomini. In un servizio riportato dal quotidiano inglese Daily Mail si viene adesso a sapere che in Siria esiste anche una milizia di donne appartenenti alla minoranza cristiana anch'esse impegnate nella guerra contro gli assassini dell'Isis. Il nome della milizia è lungo ma significativo: Female Protection Forces of the Land Between the Two Rivers, le forze femminili di protezione della terra tra i due fiumi, che sarebbero i territori compresi tra il Tigri e l'Eufrate, storicamente abitati dai siriani. Queste donne sono attive nel provincia siriana di Hasakeh, molte di loro sono sposate con figli ma non hanno esitato a prendere le armi per proteggere appunto i loro bambini. Sebbene ancora ridotto di numeri, la milizia ha già addestrato cinquanta combattenti esperti. Questi cristiani appartengono sia alla chiesa ortodossa che a quella cattolica e sono soliti pregare in lingua aramaica, l'antica lingua che parlava anche Gesù. Tra le azioni a cui hanno partecipato queste donne, quella che ha consentito la liberazione insieme alle forze curde e arabe della città di Al-Hol.

© Riproduzione Riservata.