BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

CHI E' ERDOGAN?/ Il "sultano" pronto a costruire chiese (per i voti)

Recep Tayyip Erdogan con Vladimir Putin lo scorso settembre (Infophoto)Recep Tayyip Erdogan con Vladimir Putin lo scorso settembre (Infophoto)

Adesso le cose sono diverse, perché il nuovo ruolo voluto da Erdogan per la Turchia ha creato un nocciolo duro che lo sosterrà ad ogni costo, nel bene o nel male. Quindi i suoi discorsi, secondo me, d'ora in poi serviranno solo ad accontentare questa percentuale. 

Angela Merkel ha trattato da sola con Erdogan il contenimento dei profughi in cambio della riapertura dei negoziati Ue-Turchia per l'adesione. Questo ci induce a riesaminare tutto quanto è accaduto nel settembre scorso, con l'apertura della cosiddetta "via balcanica" all'Europa. E' stato un ricatto di Erdogan?
Risponderei a questa domanda con un recente tweet, che ho letto per caso, di Burhan Kuzu, uno dei fondatori dell'Akp e professore di diritto costituzionale nonché consigliere del presidente della Repubblica, sui finanziamenti dell'Europa per i rifugiati siriani: AB, Nihayet Türkiye'nin restini anladi ve kesenin agzini açti. Ne demistik? "Siniri açar tüm Suriyeli mültecileri üzerinize salariz". Ovvero: "l'Unione Europea finalmente sta al nostro gioco e ha cominciato a mostrare i soldi. Cosa avevamo detto? Apriamo il confine e mandiamo da voi tutti i rifugiati!".

Perché Erdogan vuole entrare in Europa?
Non credo che Erdogan voglia realmente entrare in Europa, né credo nella volontà dell'Europa. Si sono fatte promesse soltanto per risolvere la questione dei rifugiati. 

Lei cosa ne pensa della scelta tedesca?
Vedo purtroppo un'Europa, Germania in testa, ispirata da tutto meno che dai diritti umani e disposta a risolvere tutto solo con i soldi. La Turchia sicuramente non sta attraversando il periodo più democratico della sua storia, perciò cominciare a parlare di trattative per l'adesione proprio ora è solo un modo per liberarsi del problema, come se questi rifugiati fossero delle merci invece di uomini che pagano le conseguenze di una guerra voluta e creata. 

(Federico Ferraù)

© Riproduzione Riservata.