BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

GUERRA IN LIBIA?/ SI. L'ex militare: per l'Italia è una questione di sopravvivenza

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

L’Esercito italiano ce l’avrebbe, sono il popolo italiano e la società italiana a non averla, e questo è un dramma. Alla fine i nodi vengono al pettine della storia. Noi siamo ormai del tutto inetti dal punto di vista psicologico e culturale nei confronti dell’ipotesi di un confronto bellico. Adesso purtroppo ne pagheremo le conseguenze, anche se le nostre forze armate sarebbero perfettamente idonee a fare una guerra del genere.

 

Quanto potrebbe durare un’eventuale guerra in Libia?

Non sarebbe una guerra che si conclude dall’oggi al domani, si tratta di sostenere una situazione che potrebbe comportare escalation o sviluppi. Il popolo potrebbe essere chiamato non dico a una nuova coscrizione obbligatoria o a una mobilitazione, ma sicuramente a subire le conseguenze di una guerra e a sostenerla. Se l’Italia va in guerra, la società deve in qualche modo supportarla. Ma temo che come popolo non ne siamo in grado.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
17/02/2015 - Complimenti. Ha colto il problema (Rodolfo Spezia)

Il problema vero è che il popolo italiano non è preparato a NIENTE (almeno nella stragrande maggioranza), altrimenti quello che hanno fatto i politici italiani avrebbe provocato una rivoluzione. Invece sono tutti indifferenti e abulici, tanto credono sempre che le cose si risolvano per incanto. E chi governa e chi crea e diffonde le notizie ha creato questa mentalità, e sono loro i veri colpevoli. Ma in Italia nessuno paga per i disastri che provoca, soprattutto se si è sistemato in una poltrona protetta dalla politica e dai poteri forti.