BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

STATO ISLAMICO/ Le milizie cristiane che combattono l'Isis in Iraq

In Iraq sono nate le milizie cristiane che combattono lo stato islamico per riuscire a liberare Mosul dall'occupazione sanguinaria ecco di cosa si tratta

Immagine di archivioImmagine di archivio

In un reportage pubblicato oggi sul sito del Corriere della sera, si racconta di come nel'Iraq occupato e brutalizzato dai terroristi islamici, i cristiani stiano cercando di organizzare milizie da combattimento. Si tratta in realtà di uno sparuto gruppo per il momento, circa un migliaio soprattutto profughi da Mosul e dai villaggi della piana di Ninive dove dall'agosto scorso sono giunti i miliziani di Isis. Con loro anche assiri della comunità della diaspora in arrivo dalla Svezia e anche qualche americano e canadese. Si chiamano Npu che significa Unità di protezione della piana di Ninive e dicono che dopo i recenti attacchi contro i cristiani caldei in Siria arriveranno altri volontari. Al proposito i musulmani hanno rapiti circa 400 cristiani e sembra siano stati rinchiusi a Raqqa e a Shaddadeh, capitali degli jihadisti sunniti in Siria. I volontari cristiani lamentano la mancanza di armi pesanti mentre sono costretti a comprarsi i kalashnikov con i propri soldi. Sperano che Europa e Stati Uniti li sostengano mandando armi. "È giunto finalmente il tempo che i cristiani lottino per i loro interessi" dice uno dei comandanti di queste milizie.

© Riproduzione Riservata.