BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CRISTIANOFOBIA/ Inghilterra: scuole cristiane a rischio chiusura, non promuovono fedi diverse e omosessualità

Pubblicazione:martedì 3 febbraio 2015

Immagine di archivio Immagine di archivio

La motivazione ufficiale è difendere i valori inglesi contro il pericolo di estremismo religioso, soprattutto quello islamico. Con questa motivazione i responsabili dell'educazione inglese hanno minacciato di chiusura due scuole cristiane e minacciato anche alcuni istituti ebraici. Ma le scuole controbattono dicendo sia solo una scusa per imporre l'agenda educativa secolarista e pro gay del governo inglese. Dall'ottobre del 2014 infatti l'Office for Standards in Education, Children’s Services and Skills, ufficio che si occupa di controllare e verificare l'andamento delle scuole private inglesi, ha lanciato una serie di ispezioni a sorpresa in molte scuole cristiane ed ebraiche. Le accuse che vengono rivolte a molte di esse è di non fare abbastanza per insegnare agli studenti i valori inglesi in particolare modo in quell'area che riguarda lo sviluppo spirituale, morale, sociale e culturale. L'ufficio governativo lo scorso settembre, volendo reagire allo scandalo cosiddetto "Cavallo di Troia" in cui molte scuole islamiche vennero accusate e denunciate di fare proselitismo fondamentalista e in alcuni casi esplicitamente terrorista, ha varato tutta una nuova serie di linee guida per le scuole private. Di fatti, ispettori governativi si recano nelle scuole e interrogano gli studenti in un modo definiti da insegnanti e genitori brutale e intrusivo. Studenti delle primarie vengono sottoposti a interrogatori per sapere cosa conoscono dell'omosessualità, ad esempio. Inoltre gli ispettori hanno chiesto esplicitamente agli insegnati che gli studenti osservino le festività non cristiane. In un caso specifico, la Trinity School di Reading c'è stata la minaccia di chiusura perché non l'istituto aveva mai invitato rappresentanti di religioni diverse da quella cristiana a tenere seminari, incontri e lezioni agli studenti e inoltre la scuola non aveva mai promosso fedi diverse da quelle cristiane. Infine la scuola doveva impegnarsi a sostenere attivamente l'Equality Act del 2010 che riconosce e propaganda l'omosessualità. 



© Riproduzione Riservata.