BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

GUERRA IN LIBIA/ Micalessin: ecco l'accordo che "smentisce" l'Onu

Pubblicazione:giovedì 5 marzo 2015

Infophoto Infophoto

“In questo momento la priorità in Libia è un accordo politico che metta insieme le tre milizie di Zintan, Misurata e Tobruk. Da questa potenziale alleanza può nascere la speranza di rimettere ordine al caos. Un’alleanza di questo tipo potrebbe infatti invocare l’aiuto dei Paesi occidentali”. E’ l’analisi di Gian Micalessin, inviato di guerra de Il Giornale per il quale è stato più volte in Libia. Martedì il Parlamento legittimo con sede a Tobruk ha accettato di tornare a sedere al tavolo dei negoziati in Marocco insieme alle altre parti in causa, le milizie di Misurata e di Zintan. Nel frattempo però a Sud di Sirte l’Isis ha attaccato i due giacimenti petroliferi di Al Mabrouk e Al Bahi.

 

Il blitz dell’Isis nei due pozzi petroliferi a Sud di Sirte significa che l’Isis si sta espandendo?

Questo è da vedere, la realtà è che quei pozzi erano alla mercé del primo che arrivava. L’Isis cresce per aggregazione, riunendo in sé tutti i gruppi circostanti, perché ha disponibilità di soldi e armi ed è la formazione più compatta. I pozzi petroliferi sono uno dei suoi obiettivi. Non a caso il primo nucleo dell’Isis arrivato in Libia dalla Siria era una specie di brigata specializzata nella conquista dei pozzi, ed è stato inviato proprio con il compito di mettere le mani sulle risorse energetiche del Paese.

 

Oggi Renzi è a Mosca per chiedere la collaborazione di Putin. E’ un’ammissione d’impotenza o una mossa saggia?

E’ una mossa saggia. Sarebbe una follia pensare di emarginare Putin in Medio Oriente e combattere una guerra contro la Russia nel momento in cui la priorità è sconfiggere un nemico esiziale come l’Isis. Putin è alleato con Egitto, Siria e Iran, cioè con i tre Paesi in prima linea nel contrapporsi allo stato islamico. Il dialogo con Mosca è quindi strategico per portare a termine la lotta al califfato in tutto il Medio Oriente e in Nord Africa.

 

L’Egitto sta ancora giocando il ruolo cruciale che sembrava avere inizialmente contro l’Isis o si è dileguato?


  PAG. SUCC. >