BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

JIHADI JOHN/ Il boia di Isis chiede scusa alla mamma, ma non si pente degli ostaggi uccisi

Il boia di Isis ha mandato un messaggio alla madre chiedendole scusa per aver messo a rischio l'incolumità della sua famiglia, ma non si è pentito degli ostaggi da lui uccisi

Jihadi John Jihadi John

Secondo quanto riportano oggi i media inglese, il cosiddetto boia di Isis la cui identità è stata rivelata negli ultimi giorni, Mohammed Emzawi, avrebbe chiesto scusa alla madre per aver messo in difficoltà la sua famiglia. Il messaggio sarebbe arrivato tramite una terza persona rimasta anonima, messaggio in cui Jihadi John chiede perdono per aver messo a rischio l'incolumità della sua famiglia, ma non dice nulla a proposito dei numerosi ostaggi tra cui alcuni inglesi da lui giustiziati. La famiglia del boia infatti ha dovuto abbandonare la casa in cui aveva sempre vissuto a Londra perché le autorità temono che qualcuno possa vendicarsi su di loro dei crimini del figlio. Vivono adesso in una località tenuta segreta sotto protezione della polizia, mentre il padre, separato, vive da un paio di anni con la figlia maggiore in Kuwait, suo paese natale dove è tornato a stare. A Londra è rimasta la madre con quattro dei cinque figli. Il messaggio di Emzawi ha un particolare significato per la religione islamica: coloro infatti che disubbidiscono o non portano rispetto ai propri genitori e alla propria famiglia sono destinati ad andare all'inferno. 

© Riproduzione Riservata.