BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

SCENARI/ La missione "segreta" di Hollande per mettere le mani sulla Siria

Bashar al-Assad (Infophoto)Bashar al-Assad (Infophoto)

Nel frattempo altri Paesi europei rimangono inesorabilmente a guardare, come l'Italia, che ancora si trastulla in vaghe e tentennanti prese di posizione per questo o quell'altro Paese suggerito da Washington o Bruxelles. Ma la Francia su questo è recidiva, visto che anche in Libia la guerra venne portata avanti per due motivi: zittire una volta per tutte Gheddafi e soffiare proprio all'Italia i vantaggiosi contratti petroliferi che con il Colonnello aveva stipulato. Davanti a questo incontro, e ancor prima alla delegazione Hollande-Merkel da Putin durante il picco della crisi ucraina, bisognerebbe chiedersi a cosa serva questa Europa che obbliga all'unità solo quando deve imporre riforme e austerità. Forse, e non penso di sbagliare, serve solo a fare da cornice agli affari e alla volontà di potenza di alcuni Paesi che finora hanno costruito le loro fortune sulle nostre disgrazie e se possibile le hanno acuite per strapparci dalle mani anche l'ultimo briciolo di sovranità nazionale.

© Riproduzione Riservata.